Icardi Chelsea, i Blues disposti a pagare la clausola di 110 milioni

Pubblicato il autore: fabricondo Segui


Va a finire che tra i due litiganti il terzo gode. Cioè, mentre Inter e Juventus parlano di Icardi, come continua a scrivere il Corriere della Sera, a spuntarla potrebbe essere il Chelsea, che sarebbe pronto a pagare la clausola rescissoria del bomber argentino, valida per l’estero entro il 15 luglio: 110 milioni di euro. Maurizio Sarri, promesso sposo dei Blues, coronerebbe così l’inseguimento all’attaccante nerazzurro, dopo il vano assalto di De Laurentiis di due estati fa. Da San Siro a Stamford Bridge quindi? Nulla è scritto ed il finale è tutt’altro che scontato, ma la pista che porta a Londra non va trascurata.

Icardi con tanto di bombetta in testa campeggia stamane sulla Prima del Corriere dello Sport, proprio a simboleggiare un eventuale futuro in Premier League per il capocannoniere della Serie A. Certo, prima va sistemata la questione Sarri, che ad oggi non è ancora il tecnico del Chelsea: i discorsi sono in fase avanzata, ma Abramovich deve risolvere la questione Conte, da tempo ai ferri corti con i dirigenti inglesi. Quando il cambio della guardia sulla panchina dei Blues sarà ufficiale, allora scatteranno i piani legati al rafforzamento della squadra, arrivata quinta in campionato e fuori dalla Champions League. Il patron russo si è innamorato del gioco champagne del tecnico toscano ed è pronto ad accontentarlo per lanciare la sfida al City di Guardiola, grande estimatore di Sarri.

Leggi anche:  Diretta TV in chiaro? Dove vedere Borussia Mönchengladbach Inter in tv e in streaming

Sarri avrebbe voluto Maurito già due anni fa al Napoli per sostituire Higuain, finito alla Juventus, ma non se ne fece nulla. Ora potrebbe riprovarci, forte della clausola per l’estero, che annullerebbe qualsiasi trattativa. Nessun problema per l’ingaggio: all’Inter Wanda Nara chiede per il marito un ingaggio di 8 milioni di euro, cifra che Abramovich non avrebbe alcun problema a garantire. L’ostacolo, semmai, è la mancata qualificazione dei Blues a quella Champions che Icardi non vede l’ora di giocare a 25 anni. Insomma, sarebbe una beffa vedersela scivolare tra le dita proprio ora che l’ha raggiunta dopo tante fatiche e delusioni. La stima di Sarri e la possibilità di esaltarsi nel suo gioco, però, potrebbero fare la differenza e convincerlo a rimandare di un anno l’approdo in Champions. Insomma, la palla passa a Icardi.

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

E nel caso Maurito decidesse di salutare, la palla passerebbe anche a Luciano Spalletti, che di certo non farebbe salti di gioia vedendo andar via il suo capitano e bomber. L’Inter sarebbe costretta a cercare un degno sostituto, operazione non proprio semplice, leggendo i numeri di Icardi. Il Corriere dello Sport fa i nomi di Rodrigo del Valencia, di Belotti e di Dzeko: bravi, ma ognuno di loro ha delle controindicazioni, dall’ambientamento al costo per finire all’età. Incognite che pesano e che rischiano di influenzare pesantemente la prossima stagione dei nerazzurri, proprio ora che sembrano aver imboccato la strada giusta. L’uomo di Certaldo, quindi, direbbe Si, ma alla conferma di Maurito. Anche se alla clausola non si comanda.

  •   
  •  
  •  
  •