Mercato Inter, Moratti apre allo scambio Icardi-Higuain: “Meglio che incassare la clausola”

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Se mai ci fosse una possibilità che vada in porto, lo scambio tra Inter e Juventus  che coinvolgerebbe le due punte di  diamante, Icardi e Higuain (più 50 milioni a favore dei milanesi), rimbalzato nei giorni scorsi sulle più accreditate testate giornalistiche italiane e non solo, sarebbe senza dubbio la trattativa dell’estate, soprattutto da un punto di vista mediatico. Tifosi nerazzurri e bianconeri si dividono: c’è chi sostiene che siamo ai limiti del fantamercato, chi, per ragioni di cuore, non vedrebbe di buon occhio l’approdo dell’acerrimo nemico tra le proprie file, e chi non disdegnerebbe affatto l’idea. E tra i possibilisti c’è un tifoso dell’Inter d’eccezione, Massimo Moratti, l’ultimo grande presidente nerazzurro che ha portato ad Appiano Gentile titoli su titoli. Intervistato da FcInternews.it, l’ex patron interista ha commentato il possibile scambio.

“Uno come Icardi è un attaccante in netta crescita, al punto tale che il suo potenziale è ancora forse tutto da scoprire. C’è tanta curiosità intorno a Mauro, sarebbe un peccato privarsene. Tuttavia dall’altra parte c’è un calciatore come Higuain, di grande esperienza e sempre determinante tanto nel Napoli quanto nella Juventus, anche se la differenza anagrafica non è di poco conto”. Sul capitano dell’Inter aleggia lo spettro della clausola da 110 milioni, valida solo per l’estero, con il Chelsea che, stando ai tabloid britannici, sarebbe pronto a spedire l’assegno in direzione Milano. Ma Moratti non sembra totalmente convinto di questa possibilità e caldeggia il clamoroso scambio con la Juventus: “Icardi è indispensabile per l’Inter oggi, ma l’offerta dei bianconeri non sarebbe assolutamente da scartare, anche perchè poi bisognerebbe andare a prendere qualcuno all’altezza e non è così semplice”.

Il messaggio di Moratti a Suning è chiaro: meglio avere un’alternativa di spessore ad Icardi, come Higuain, e un buon conguaglio da 50 milioni, che risolverebbero i problemi dell’Inter anche in ottica Financial Fair Play (ricordiamo che entro il 30 giugno la società nerazzurra deve registrare in bilancio una buona plusvalenza per evitare l’intervento dell’Uefa), piuttosto che incassare la clausola che risolverebbe solo i problemi economici ma rischierebbe di abbassare notevolmente il tasso tecnico della rosa a disposizione di Luciano Spalletti. Tuttavia, paventando quest’ultima ipotesi, Moratti ha espresso la sue idea circa una partenza di Icardi in direzione estero: “Sembra che Lewandowski lascerà il Bayern Monaco. Sarebbe un’ottima alternativa, uno che segna con grande regolarità, anche se propone un gioco diametralmente opposto a quello dell’argentino. Tuttavia sarebbe un’operazione difficile, se Icardi va via un altro top attaccante dovrebbe liberarsi”. L’Inter si è comunque assicurata le prestazioni di Lautaro Martinez, un giovane che farà certamente parlare di sè e che ha suscitato una buona impressione anche al presidente Moratti: “Sembra avere una grande fame, potrebbe già essere pronto. Ma guardando anche al resto della rosa, che deve essere migliorata, a me piace molto Payet del Marsiglia: forte, grintoso, di grande personalità”. 

Ma oltre qualsiasi scenario di calciomercato, oltre la possibilità di perdere Icardi, Moratti spera che l’epilogo di questa vicenda non porti a ribaltoni: “Non faccio più parte della società , loro prenderanno la decisione migliore. Di certo, da tifoso dell’Inter io credo ci siano margini per trattare con il nostro attaccante per trattenerlo e spero che alla fine non parta”. 

  •   
  •  
  •  
  •