Milan, che caos: tutti i big sul mercato. Malumori tra Fassone e Yonghong Li

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

Leonardo Bonucci – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

E’ scoppiato un autentico caos in casa Milan, dopo il no dell’Uefa al settlement agreement, seguito a un identico e precedente diniego per il voluntary. Il Milan andrà a giudizio il mese prossimo e intanto pensa già al possibile ricorso al Tas di Losanna in caso di sanzioni drastiche.

La motivazione è quella della violazione del fair play finanziario, arrivata dopo un’attenta valutazione della documentazione da parte della autorità competenti. La società rossonera rischia l’esclusione dalle coppe  e un certo malumore serpeggia tra i dirigenti.  Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, Fassone e Yonghong Li sarebbero ai ferri corti. Tra i due c’è una sorta di scarico di responsabilità sull’altro: il presidente chiede conto dei risultati a Fassone, secondo quest’ultimo, invece, la responsabilità è della società cinese che non ha ben valutato le offerte di rifinanziamento del debito con Elliott.

Intanto, sotto il profilo prettamente sportivo, il futuro si prospetta alquanto nebulosa. In attesa del pronunciamento dell’Uefa, tutte le trattative sono sospese. Mirabelli al momento è con le mani legate e tutti i big sono scontenti di quanto sta accadendo. Di fatto, il pericolo che i vari Donnarumma, Romagnoli, Suso e il capitano Bonucci possano cambiare aria è quantomai concreto.

  •   
  •  
  •  
  •