Roberto De Zerbi in pole position per la panchina del Cagliari

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
CAGLIARI, ITALY - DECEMBER 09: Leonardo Pavoletti of Cagliari celebrates his goal 2-2 during the Serie A match between Cagliari Calcio and UC Sampdoria at Stadio Sant'Elia on December 9, 2017 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Ore decisive in casa Cagliari. Presso la sede milanese della Fluorsid, il Presidente dei rossoblù, Tommaso Giulini e il direttore sportivo Marcello Carli stanno effettuando il punto della situazione per quanto concerne la guida tecnica della squadra in vista della prossima stagione. L’attuale allenatore Diego Lopez è riuscito nell’impresa di salvare i sardi all’ultima giornata, con la vittoria rimediata nei confronti dell’Atalanta e la concomitante sconfitta del Crotone a Napoli. Un traguardo che perlomeno garantisce anche per il prossimo campionato, la permanenza in A della compagine sarda. Nonostante ciò, però, la posizione del tecnico uruguaiano è alquanto in bilico. Ad oggi sono ridotte al lumicino le possibilità che Lopez resti in sella al Cagliari e contemporaneamente si sta scaldando il tam tam sui nomi del possibile successore.

In pole position vi è Roberto De Zerbi, tecnico che nella stagione appena conclusa è stato al timone del Benevento, inanellando una serie di prestazioni sommariamente soddisfacenti pur non riuscendo nel tentativo, decisamente titanico, di salvare la truppa sannita. L’allenatore lombardo è particolarmente apprezzato dal d.s. Carli e il suo modo di intendere il calcio, rappresenta una suggestione molto gradita. Su De Zerbi, però, vi è la forte concorrenza da parte del Sassuolo, intenzionato a ripartire proprio dall’ex tecnico del Benevento, dopo la salvezza raggiunta con Beppe Iachini al timone dei neroverdi.

Da non sottovalutare, altresì, le piste che conducono a Davide Nicola, Rolando Maran e Ivan Juric. Il primo è reduce dall’esperienza alla guida del Crotone, interrotta per via delle dimissioni da lui stesso presentate nello scorso mese di dicembre. Nicola impressionò ottimamente nella stagione 2016/2017 ottenendo una salvezza miracolosa con i pitagorici.

Profilo assai gradito è anche quello di Rolando Maran, esonerato lo scorso 29 aprile dopo la pesante sconfitta rimediata dal Chievo contro la Roma, per 4-1. L’allenatore trentino è legato contrattualmente con il club clivense ma da parte sua ci sarebbe piena disponibilità nell’intraprendere questo nuovo cammino professionale, e tale scelta sarebbe apprezzata anche per via dell’esperienza accumulata nell’arco delle precedenti stagioni alla guida dei veneti, che gli hanno permesso di comprendere alla perfezione le dinamiche inerenti la lotta per non retrocedere.

Un altro nome che aleggia attorno all’emisfero rossoblù è quello di Ivan Juric, tecnico croato, esonerato dal Genoa nello scorso mese di novembre. Juric in carriera ha ottenuto una prestigiosa promozione in A, nel torneo 2015/2016, alla guida del Crotone, per poi imprimere la sua grinta, la sua determinazione, e il suo modo di interpretare il calcio fatto di personalità e agonismo sotto l’ombra della Lanterna. Nel campionato appena concluso, ha collezionato dodici panchine al timone del Grifone rossoblù, centrando una sola vittoria, tre pareggi e otto sconfitte, uno score non in linea con i propositi estivi, a tal punto da essere sostituito da Davide Ballardini. Nell’arco di questa settimana, molto presumibilmente, il patron Giulini e il d.s. Carli saranno chiamati ad assumere una decisione definitiva in tal senso, con l’opzione De Zerbi, come detto, nel gradino più alto dei gradimenti. Il dopo Lopez sta per prendere forma, con l’obiettivo di disputare una stagione meno sofferta rispetto a quella appena terminata.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: