Calciomercato Inter: dopo Politano caccia al terzino, obbiettivo plusvalenze raggiunto

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui
BUENOS AIRES, ARGENTINA - MAY 03: Lautaro Martinez of Racing Club looks on during a group stage match between Racing Club and Universidad de Chile as part of Copa CONMEBOL Libertadores 2018 at Presidente Peron Stadium on May 3, 2018 in Buenos Aires, Argentina. (Photo by Marcelo Endelli/Getty Images)

Lautaro Martinez – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Dopo gli acquisti di De Vriji, Asamoah, Lautaro Martinez e Nainggolan, l’Inter ‘mette la quinta’ ed è in procinto di ufficializzare l’ormai ex esterno del Sassuolo, Matteo Politano. L’Italiano, atterrato nella giornata di Venerdì a Linate, è apparso sin da subito raggiante e in serata, uscendo da un ristorante milanese, ha rilasciato le prime parole da nerazzurro: “L’Inter un bel regalo di nozze? Vediamo come fa a finire. Diciamo che non era previsto…”.

Il calciatore infatti era in viaggio di nozze mentre la trattativa tra le due società si stava concretizzando. Sicuramente la volontà del calciatore è stata molto importante per convincere il Presidente Squinzi a cederlo alla società nerazzurra. L’accordo è stato trovato sulla base di 20 milioni e la cessione del giovane classe ’99 Odgaard (con la ricompra dell’Inter fissata a massimo 10 milioni fino alla prossima stagione).

Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei

Calciomercato Inter, obbiettivo terzino
Dopo aver acquistato un centrale di difesa, un esterno (di difesa o all’occorrenza d’attacco), un  centrocampista e una seconda punta, all’Inter manca un tassello fondamentale per costruire una squadra competitiva su tre fronti in cui è impegnata (Serie A, Champions League e Coppa Italia): il terzino. I profili individuati da Ausilio sono principalmente tre: Vrsaljko, Zappacosta e Florenzi. Per quanto riguarda l’ex calciatore del Sassuolo, Vrsaljko, c’è stata un’apertura da parte dell’Atletico Madrid anche se la quotazione dei madrileni è abbastanza ampia per il calciatore (circa 25 milioni). L’altro obbiettivo è Florenzi, il calciatore della Roma è in scadenza di contratto ed è pronto a trattare con la società capitolina per il suo rinnovo. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, la Roma sarebbe disposta a spingersi fino a 3 milioni più i soliti bonus mentre l’Inter potrebbe offrire a Florenzi 5 anni a circa 4 milioni netti a stagione. Insomma la distanza attuale è soprattutto di natura economica. Ovviamente ora spetta allo stesso calciatore romano decidere se rimanere fedele alla propria squadra del cuore, o incominciare un nuovo progetto raggiungendo l’ex compagno Radja Nainggolan. Per Davide Zappacosta il Chelsea vorrebbe circa 30 milioni di euro, ma a queste cifre l’Inter non intende nemmeno trattare. quindi si sta cercando una soluzione con l’agente Lucci per mettere a punto la strategia migliore.

Leggi anche:  Lazio Yazici, il turco del Lille che fece tripletta al Milan piace molto a Tare

Inter, Raggiunto obbiettivo plusvalenze

La società nerazzurra, nonostante cinque acquisti di rilievo, è riuscita a rispettare la volontà della Uefa rispettando l’obbiettivo plusvalenze. L’obbiettivo è stato raggiunto con le seguenti cessioni: Bettella all’Atalanta (7 milioni), Santon alla Roma (5.8 milioni), Zaniolo alla Roma (5.5 milioni), Bardi al Frosinone (1 milione), Coutinho percentuale rivendita (2.4 milioni), Bessa percentuale rivendita (1.5 milioni), Kondogbia al Valencia (2.5 milioni), Vallietti e Radu al Genoa (12 milioni), Odgaard al Sassuolo (5 milioni), Biabiany e Di Marco al Parma (circa 2 milioni) e Nagatomo al Galatasaray (circa 2.5 milioni) e Carraro all’Atalanta (circa 5 milioni) ancora da definire. Insomma è stato svolto un ottimo lavoro dalla società nerazzurra che già al termine della passata stagione, ha lavorato affinché si raggiungesse l’obbiettivo stabilito, senza cedere alcun big della rosa titolare.  Gran parte del merito va dato anche a Stefano Vecchi, ora allenatore del Venezia, che nel corso dei suoi anni da allenatore della primavera nerazzurra, ha portato a casa tanti trofei, valorizzando tantissimi giovani.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: