Cavani o Lewandowski per la Juventus, ma è necessario un sacrificio

Pubblicato il autore: Matteo Frizzerin Segui


Una eventuale cessione di un big non troverebbe impreparata la Juventus, pronta ad acquistare un attaccante di primo livello. Cavani e Lewandowski i nomi caldi per sostituire un campione in partenza, ma potrebbero arrivare anche in caso di altre cessioni importanti. Ecco da chi potrebbero arrivare i fondi per l’acquisto di uno tra i due attaccanti rispettivamente di PSG e Bayern Monaco.

Higuain, Pjanic o Dybala? I giocatori cedibili con cui fare cassa
Molti rumors di mercato vedono Miralem Pjanic vicino al Barcellona, dopo l’interessamento dei blaugrana per il giocatore bosniaco. La Juventus lo considera incedibile, a meno che non arrivi dalla Spagna un’offerta importante di almeno 80 milioni di euro. Sicuramente un bel gruzzoletto da poter successivamente reinvestire sul mercato. La sensazione è che, la cessione di un centrocampista, porterebbe all’acquisto di un altro giocatore importante nello stesso ruolo con Sergej Milinkovic-Savic in pole position, nonostante la richiesta altissima del presidente Lotito. Il centrocampista ex Roma non sembra la chiave per arrivare all’acquisto di un top player in attacco, come invece lo sembrano altri due possibili giocatori in caso di cessione.

Leggi anche:  Juventus, Pirlo: "Andiamo a chiudere il discorso qualificazione"

Il Pipita Higuain è sicuramente il giocatore di cui si è parlato maggiormente, ma anche Paulo Dybala non è considerato incedibile. Per il 30enne ex Napoli la Juventus incasserebbe circa 60 milioni di euro, che però priverebbero Max Allegri di un’alternativa a Mario Mandzukic per il ruolo di prima punta. Sembra quindi necessario l’acquisto di un’altro attaccante che garantisca molti gol a fine stagione nel caso di una sua cessione. Il Chelsea di Maurizio Sarri è la squadra più interessata per il suo acquisto, che potrebbe comprendere anche il giovane difensore centrale italiano Daniele Rugani, valutato 35 milioni dalla Juventus, in una maxi offerta vicina ai 100 milioni di euro.

La scorsa estate molti rumors davano molto forte l’interessamento del Barcellona per Paulo Dybala, il giocatore con cui la Juventus potrebbe monetizzare maggiormente. Durante questa finestra di mercato, però, la situazione è molto cambiata, tanto che nessuno non osa nemmeno avvicinarsi ai 150 milioni di euro richiesta dal club torinese per il cartellino della Joya. Per ora è una pista tranquilla, ma è sempre bene tenere monitorata la situazione: il mercato ci insegna che possono esserci sempre degli eventi inaspettati che stravolgono le previsioni in qualsiasi momento.

Leggi anche:  Champions League, Juventus qualificata agli ottavi se... Ecco le combinazioni possibili

Fare cassa è necessario per la Juventus, non avendo la potenza economica delle big europee, per reinvestire il capitale accumulato sul mercato. Soprattutto se in ballo c’è l’acquisto di un attaccante come Cavani o Lewandowski, con ingaggi faraonici. Entrambi hanno manifestato la voglia di cambiare aria: l’uruguayano, dopo l’arrivo di Neymar, si è sentito messo da parte e desidererebbe una nuova sfida di cui essere il protagonista. La Juventus e l’Italia potrebbero essere un’occasisione importante per tornare tranquillo e poter continuare a segnare tantissimi gol. Il polacco, invece, ha manifestato la voglia di affrontare una nuova sfida lontanto dalla Bundesliga in cui ormai, tra Borussia Dortmund e Bayern Monaco, milita da 8 stagioni. La società bavarese lo lascerebbe partire, a patto che arrivi un’offerta cash molto cospicua. Alcune voci di mercato hanno parlato di un’offerta da parte del Real Madrid, che avrebbe proposto uno scambio Benzema-Lewandowski completato da un’importante conguaglio verso la Germania. Il club biancorosso avrebbe rifiutato l’offerta, dichiarando che lascerebbe partire il giocatore solamente tramite pagamento cash.

Leggi anche:  Juventus, Ronaldo in lizza per il premio Giocatore del secolo

Entrambi i giocatori, per sposare la causa juventina, dovrebbero ridursi l’ingaggio, ma la società Campione d’Italia ci prova, d’altronde non sarebbe la prima volta che accade. Carlitos Tevez, qualche anno fa, si dimezzò l’ingaggio pur di arrivare a Torino, dichiarando poi “mi ha restituito la voglia di giocare a calcio“. Chissà che, nel caso si accendesse concretamente una pista per questi due fuoriclasse, tengano conto anche di questo.

  •   
  •  
  •  
  •