Il Chelsea tra Blanc e Jokanovic per la panchina. E se restasse Conte?

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Situazione di stallo in casa Chelsea con l’ipotesi di un addio anticipato di Antonio Conte non più particolarmente plausibile, ma procediamo con ordine: il 31 maggio scorso è scaduta la clausola rescissoria da 8 milioni di euro pendente su Maurizio Sarri. Il club di Abramovich non ha effettuato passi in avanti in tal senso e d’ora in poi per trattare con il Napoli bisognerà fare i conti con il contratto vigente con il tecnico toscano, con scadenza nel 2020 da 1,4 milioni di euro a stagione.

Inoltre, nelle ultime ore, un’altra opzione ha spinto al ribasso le quotazioni di Maurizio Sarri, ossia la pista che conduce a Slavisa Jokanovic, allenatore che ha permesso al Fulham di tornare in Premier League. Jokanovic è di nazionalità serba, ma parla fluentemente il russo, lingua madre del magnate Roman Abramovich, aspetto, questo, da non sottovalutare, al fine di instaurare un feeling proficuo tra guida tecnica e proprietà dei Blues. Tutto lascerebbe presagire che potrebbe essere proprio l’ex calciatore del Chelsea,dal 2000 al 2002, ad assumere l’eredità che lascerà in dote Antonio Conte, ma per liberare con un anno d’anticipo, rispetto al termine del contratto, l’allenatore salentino, i Blues dovrebbero effettuare un corposo esborso economico, ovvero il club londinese sarebbe costretto a versare la somma di 20 milioni di euro per risolvere il contratto con Conte e il suo staff, una cifra decisamente elevata considerando anche che il Chelsea, nella prossima stagione, non disputerà la Champions League, essendo giunto quinto in Premier, non incassando, di conseguenza, gli introiti messi a disposizione dalla Uefa, ed inoltre non prenderanno il via i lavori tanto auspicati per modernizzare lo Stamford Bridge, fattori, questi, che indicano prudenza da parte dei vertici dirigenziali dei Blues al fine di compiere “spese folli”.

Il rebus riguardante l’allenatore andrà risolto nel maggior breve tempo possibile, in quanto la programmazione della squadra e il conseguimento degli obiettivi da raggiungere andranno stabiliti quando sarà chiaro a chi verrà affidato il timone della rosa. La scintilla tra Conte e Abramovich non è mai scoccata realmente e non è stata sufficiente la conquista di un campionato inglese e di una Coppa d’Inghilterra, nel giro di due anni, per smorzare le voci di mercato attorno alla panchina del Chelsea. Sarri attraeva, ma al momento vi è forte il rischio che il tecnico toscano resti senza squadra nella stagione che si appresta ad entrare, mentre l’idea Jokanovic appare percorribile ma obbligherebbe il club londinese a pagare in maniera onerosa il benservito ad Antonio Conte e al suo staff, liberandosi dell’ex c.t. della Nazionale italiana con un anno d’anticipo. La probabilità, quindi, che questi rumors che si sono accavallati svanisca è decisamente elevata, con il tecnico pugliese, che seppur non amato alla follia, si accinga a guidare ancora per un anno la truppa Blues.

during the Premier League match between Chelsea and Leicester City at Stamford Bridge on January 13, 2018 in London, England.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

  •   
  •  
  •  
  •