Mercato Fiorentina, Sportiello non verrà riscattato: pronta l’offerta per Meret

Pubblicato il autore: Francesco Bergamaschi Segui
FLORENCE, ITALY - APRIL 18: Jordan Veretout of ACF Fiorentina celebrates after scoring the second goal during the serie A match between ACF Fiorentina and SS Lazio at Stadio Artemio Franchi on April 18, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Girandola di portieri nella Fiorentina. La società Viola, infatti, ha ufficialmente fatto sapere all’Atalanta che non eserciterà il diritto di riscatto nei confronti di Marco Sportiello: l’estremo difensore classe ’92, quindi, dopo una stagione e mezza passata tra le fila dei gigliati, ritornerà alla Dea, la quale deciderà del suo futuro. Molto probabilmente, però, nella prossima annata il ragazzo ex Carpi, Poggibonsi e Seregno non giocherà a Bergamo, ma per lui verrà trovata una sistemazione a titolo definitivo, molto probabilmente la Sampdoria.

La decisione da parte della società dei Della Valle era nell’aria già da tempo: il riscatto dell’intero cartellino, fissato a 5,5 milioni di euro, era stato considerato eccessivo. Quest’anno le sue prestazioni sono state spesso altalenanti, fattore che ha spinto i toscani a lasciar tornare alla base il 25enne.

La domanda che tutti i tifosi della Fiorentina si pongono, adesso, è la seguente: quale sarà il portiere titolare dell’anno prossimo? I dirigenti viola, in tal senso, stanno pensando a due opzioni possibili. Analizziamole insieme.

Fiorentina su Meret: pronta un’offerta di 16 milioni

Il nome numero uno sul taccuino della Viola è Alex Meret, portiere classe ’97 di proprietà dell’Udinese e che quest’anno, tra le fila della Spal, ha disputato una stagione eccellente, mettendosi in mostra nella formazione allenata da Leonardo Semplici.

Il ragazzo, sia per il talento espresso sia per la giovanissima età, è considerato l’elemento ideale da posizionare tra i pali della porta gigliata, tuttavia trattare con la società dei Pozzo non è mai facile: i friulani, infatti, sono una bottega piuttosto cara.

La valutazione della società bianconera, infatti, secondo quanto riportato da Fantagazzetta.com, è non meno di 20 milioni di euro, forti del fatto che le offerte per il giovane portiere, convocato già in Nazionale da Antonio Conte, non mancheranno di certo, sia dall’Italia che dall’estero.

La Fiorentina non vorrebbe arrivare a spendere quelle cifre, nè avrebbe il desiderio di partecipare ad un’asta: al contrario, il Direttore Sportivo Pantaleo Corvino avrebbe intenzione di proporre all’Udinese un prestito oneroso da circa 6 milioni di euro ed un obbligo di riscatto fissato a 10: totale, 16 milioni di euro.

Quest’operazione, però, si legherebbe ad altre trattative che potrebbero sorgere nei prossimi mesi, trasformando quest’asse in un vero e proprio intreccio di mercato: ai friulani, sempre secondo Fantagazzetta.com, piacciono Maxi Oliveira e Saponara, mentre i Viola hanno chiesto informazioni su Nuytinck e De Paul.

Dragowski possibile soluzione interna

La Fiorentina, però, ha già pronto un “piano B” qualora l’affare Meret non dovesse andare in porto: si tratta di una soluzione interna che porta il nome di Barlomiej Dragowski, portiere polacco classe ’97 prelevato dai Viola due anni fa dallo Jagiellonia per circa 2 milioni di euro. La dirigenza Viola lo considera il portiere del futuro, anche se quest’anno, nelle poche apparizioni tra campionato, Coppa Italia ed Europa League, ha dimostrato qualche incertezza tra i pali.

I Viola, però, hanno dimostrato di voler investire su di lui e sul suo talento. Stefano Pioli lo valuterà attentamente durante il ritiro estivo con l’obiettivo di capire se è effettivamente pronto per una maglia da titolare: in caso contrario per lui verrà valutata l’opzione di un prestito.

  •   
  •  
  •  
  •