Mercato: Sassuolo e Bologna perfezionano lo scambio Falcinelli – Di Francesco

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
BOLOGNA, ITALY - OCTOBER 15: Andrea Poli of Bologna FC celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between Bologna FC and Spal at Stadio Renato Dall'Ara on October 15, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini/Iguana Press/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Fumata bianca in Emilia. E’ oramai giunta ai dettagli la trattativa tra il Sassuolo e il Bologna per quanto concerne lo scambio di prestiti riguardanti Diego Falcinelli e Federico Di Francesco. L’attaccante neroverde, natio di Marsciano, si appresta ad indossare i colori rossoblù, mentre il percorso inverso verrà effettuato da Federico, figlio di Eusebio, tecnico della Roma, che approderà al Sassuolo, club in cui suo padre scrisse pagine memorabili dal 2012 al 2017, conseguendo una promozione in A e la storica qualificazione in Europa League. Tale operazione di mercato si basa sul prestito secco, più eventuali bonus a seconda delle prestazioni che entrambi i calciatori forniranno. Sia Falcinelli che Di Francesco sono alla ricerca di un riscatto dopo l’ultima stagione piuttosto avara di soddisfazioni.

Leggi anche:  Isco-Inter, il padre-agente: "C'è la volontà"

Falcinelli si mise in mostra in massima serie durante il campionato 2016/2017 tra le fila dell’allora neopromosso Crotone. Con i pitagorici collezionò 35 presenze in campionato impreziosite da 13 reti, contribuendo attivamente alla permanenza in A dei calabresi. Terminato il prestito con gli “Squali”, l’attaccante umbro fece ritorno nella casa madre del Sassuolo, in cui ha inanellato 19 apparizioni, mettendo a segno 2 gol. Chiuso nelle gerarchie dai vari Berardi e Politano, nel gennaio scorso, Falcinelli è stato protagonista di una trattativa con la Fiorentina che ha portato Babacar in Emilia e il neroverde nel capoluogo toscano. In viola, Falcinelli ha assunto gli abiti da vice-Simeone, totalizzando solamente 11 presenze, senza mai riuscire ad andare a segno.

Di Francesco, invece, dopo l’esplosione in B con la Virtus Lanciano, ha catalizzato le attenzioni degli osservatori anche in massima serie, disputando un buon campionato, al suo debutto, nella stagione 2016/2017, con 24 presenze e 4 gol, rappresentando un valido elemento nel tridente avanzato, a sostegno di Destro, Verdi e Krejci. Discorso diametralmente opposto nell’ultimo campionato, in cui il rossoblù è andato in gol in una sola occasione e non sempre è stato schierato titolare da Donadoni. Il suo rendimento è apparso molto spesso altalenante, soccombendo insieme al resto della squadra, durante un girone di ritorno per nulla affatto esaltante. Con l’avvento di Pippo Inzaghi in panchina, probabilmente il giovane Federico ha compreso che il suo impiego si sarebbe ulteriormente ridotto, tant’è che il club felsineo, per non disperdere il patrimonio tecnico di questo calciatore, ha deciso di girarlo in prestito al Sassuolo, con la speranza che in quella piazza, tanto cara alla famiglia Di Francesco, il classe 1994 possa imporsi con autorevolezza.

Leggi anche:  Barcellona Milenkovic, sarebbe lui il sostituto di Piqué: lo spagnolo starà fuori sei mesi

Mentre sul versante bolognese, Falcinelli si augura di ripetere quanto fatto due stagioni fa con addosso un’altra maglia rossoblù, ma quella volta si trattava della divisa del Crotone, provando a convincere mister Inzaghi ad affidargli i galloni da titolare, approfittando al meglio di questa irripetibile chance.

  •   
  •  
  •  
  •