Nainggolan-Inter: si va verso la fumata bianca. Alla Roma 22 milioni più alcuni giovani

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Radja Nainggolan – Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

Si intensificano i rapporti tra l’Inter e la Roma per quanto concerne l’affare Nainggolan. Le nuvole sembrano diradarsi e la fumata bianca è oramai ad un passo. La volontà del calciatore è quella di riabbracciare Luciano Spalletti, tecnico con il quale detiene un ottimo legame e con cui ritroverebbe una collocazione tattica più congeniale. La trattativa dovrebbe attestarsi sulla base di 34 milioni di euro che il club nerazzurro verserà alle casse della società capitolina, mentre il calciatore dovrebbe firmare un contratto cono durata sino al 2021 da 5 milioni di euro a stagione comprensivi di bonus.

Tra l’altro, in quest’affare di mercato, dovrebbero rientrare anche i prestiti di Zaniolo e Pinamonti, con quest’ultimo che potrebbe essere utilizzato come pedina di scambio, da parte della Roma, da girare al Sassuolo al fine di dare un’accelerata per quanto riguarda la trattativa inerente Domenico Berardi. Nainggolan, in questi giorni, non sta rilasciando dichiarazioni, ma appare oramai chiaro che il suo addio dalla Capitale sia scontato. Tra l’altro il club del patron Pallotta, tra domani o al massimo venerdì, ufficializzerà l’arrivo di Javier Pastore dal Paris Saint Germain, profilo scelto dal d.s. Monchi proprio per sopperire alla partenza del “ninja”. L’argentino torna in Italia dopo la sua ultima esperienza al Palermo dal 2009 al 2011, e firmerà un contratto di quattro anni più uno di bonus, da circa 4 milioni di euro a stagione.

Il dopo-Nainggolan, quindi, bolle in pentola, ma il belga-indonesiano dopo un rapporto non particolarmente idilliaco con Eusebio Di Francesco e qualche atteggiamento sopra le righe, poco gradito dalla dirigenza della “Lupa”, appare essere ben lieto di cambiare aria e soprattutto di firmare, con ogni probabilità, l’ultimo contratto piuttosto sostanzioso, dal punto di vista economico, della sua carriera, considerando i suoi trent’anni. Per quanto concerne un discorso prettamente tattico, l’approdo in nerazzurro, sotto gli ordini di Luciano Spalletti, permetterà al “ninja” di agire nelle vesti di trequartista, ruolo a lui assai gradito, nella linea a tre, alle spalle di Mauro Icardi, inoltre avrebbe modo di fornire il suo contributo all’interno di una squadra che disputerà la Champions League, competizione assai ambita, senza nascondere, altresì, il desiderio di dare filo da torcere alle compagini in lotta per il vertice della classifica.

A fine mese dovrebbe giungere l’ufficialità, o al massimo nei primi giorni di luglio, con Nainggolan che si appresta ad intraprendere questo nuovo cammino professionale, con tanta voglia di scacciare via le amarezze sopraggiunte negli ultimi mesi, in primis con la mancata convocazione in Nazionale in occasione del Mondiale in Russia, smentendo, tra l’altro, coloro che abbiano storto il naso nell’ascoltare il suo nome, associandolo ad episodi poco edificanti oppure a dichiarazioni personali decisamente discutibili.

  •   
  •  
  •  
  •