Parma, oggi summit decisivo per Emiliano Viviano

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

PARMA, ITALY - OCTOBER 21: Emanuele Calaiò #9 of Parma Calcio celebrates after scoring the 2-1 goal during the Serie A match between Parma Calcio and Virtus Entella at Stadio Ennio Tardini on October 21, 2017 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)Il Parma, neo promosso in serie A, avvia la sua campagna di rafforzamento, partendo proprio dalla porta. Il nome in cima alla lista del direttore sportivo dei ducali, Faggiano, è quello di Emiliano Viviano pronto ad accettare l’offerta della società gialloblù. L’estremo difensore della Samp è oramai ai ferri corti con i blucerchiati, complice anche qualche dichiarazione rilasciata dal tecnico Marco Giampaolo, il quale appare piuttosto propenso a concedere l’ok per un nuovo profilo chiamato a difendere i pali della Doria. In questo caso, il nome che circola con più insistenza è quello di Skorupski, reduce nella passata stagione al ruolo di vice-Alisson nella Roma.

Nei giorni precedenti l’entourage di Viviano ha effettuato una serie di incontri, sia con i dirigenti del Parma, che con Osti e Pradè, così come il direttore sportivo dei ducali, Daniele Faggiano, ha intavolato una serie di colloqui sia con lo staff del giocatore che con i vertici dirigenziali della Sampdoria. Sul portiere vi era il pressing da parte dello Sporting Lisbona, intenzionato a sostituire Rui Patricio, ma l’estremo difensore blucerchiato ha lasciato intendere di preferire la soluzione italiana, accettando, quindi, il corteggiamento da parte del Parma. Viviano è legato al club doriano con un contratto in scadenza nel 2021 ma considerando che Giampaolo vorrà dirottare la sua attenzione su un altro profilo, l’addio dalla società di Massimo Ferrero appare alquanto scontato.

I ducali sono pronti ad offrire al giocatore un ingaggio da oltre 700.000 euro a stagione, cifra che rappresenterebbe un considerevole esborso economico per il club ducale tornato in serie A dopo quattro anni d’assenza. Indubbiamente Viviano, a quasi 33 anni, rappresenterebbe una garanzia per un Parma che punta innanzitutto a mantenere la categoria. Ripercorrendo la carriera del portiere toscano e tifoso della Fiorentina, dopo aver mosso i primi passi nelle giovanili della Viola e del Brescia, fece il suo debutto in serie A nella stagione 2009/2010 tra le fila del Bologna. A seguire, dopo una breve toccata e fuga nell’Inter, giocò sei mesi a Palermo ed una stagione intera nella sua squadra del cuore, ovvero la Fiorentina.

Nell’estate del 2013 volò a Londra, accettando l’offerta dell’Arsenal, ma la sua avventura Oltremanica si rivelò fallimentare. L’anno successivo avvenne il  ritorno in Italia, assumendo i galloni da titolare nella Sampdoria. Quattro stagioni in blucerchiato che lo incoronano a baluardo nel reparto difensivo della Doria. Solamente qualche infortunio frena la costanza di rendimento dell’estremo difensore toscano che però contribuisce con i suoi interventi ai buoni risultati conseguiti dalla compagine ligure. Ora, si sta per aprire il sipario su una nuova esperienza per Emiliano Viviano, stavolta in terra ducale. Quest’oggi avverrà il summit decisivo che potrà condurre verso la tanto attesa fumata bianca. D’Aversa è pronto ad abbracciare un calciatore esperto, che potrà fornire un corposo contributo in un ipotetico discorso salvezza della squadra gialloblù.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: