Pastore: sono tornato in Italia per vincere

Pubblicato il autore: Andrea Alampi

Ventiquattro ore di fuoco per Javier Pastore nuovo acquisto della Roma ufficializzato con un comunicato che riporta anche le cifre dell’affare: “Il Club rende noto di aver acquistato a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive del calciatore classe 1989 dal Paris Saint-Germain, a fronte di un corrispettivo fisso di 24,7 milioni di euro. Con il giocatore è stato sottoscritto un contratto di cinque anni, fino al 30 giugno 2023. Javier Pastore vestirà la maglia numero 27“. L’ormai ex Psg è stato presentato alla stampa questo pomeriggio alle 16.00 a Trigoria dal ds Monchi che ha definito l’argentino «il calciatore acquistato con più qualità».

Le prime parole di Pastore in conferenza sono state: «Sono molto felice di essere arrivato alla Roma, è bello tornare in Italia e farlo in una grande squadra». Sulla scelta fatta l’argentino ha dichiarato: «La Roma è una grande squadra che sta crescendo tanto e il mio agente ne stava parlando già da due mesi e avevo tanta voglia di tornare in Italia. Ho sensazioni molto belle, il tifo è molto caldo e mi ha fatto piacere vedere tutta quella gente all’aeroporto, mi danno una grande carica e una grande voglia di far bene.  Sono andato via da Parigi perché voglio tornare ad essere protagonista.».

Leggi anche:  Zaniolo apre al Galatasaray: cosa potrebbe succedere

Incalzato sul ruolo che può coprire nello scacchiere tattico di mister DiFra il centrocampista ha detto: «Con il mister ho parlato un paio di volte. Lui vuole mettermi mezzala in questa squadra ma durante le partite potrei cambiare ruolo. Io sono disponibile per giocare dove il mister vorrà».

Chiusura finale con una battuta sulla squadra da battere: «Il calcio italiano l’ho seguito sempre e ho visto tutte le partite. La Juve ha una squadra molto forte abituata a vincere in Italia. Negli ultimi due anni ha fatto molta più fatica che in precedenza. E’ normale che un giocatore quando gioca a calcio vuole vincere, non sono venuto qui per accontentarmi del quarto o quinto posto».

  •   
  •  
  •  
  •