Sarri, vicino l’annuncio ufficiale del Chelsea: l’ex Napoli vuole Vecino e Callejon

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
NAPLES, ITALY - APRIL 08: Coach of SSC Napoli Maurizio Sarri gestures during the serie A match between SSC Napoli and AC Chievo Verona at Stadio San Paolo on April 8, 2018 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Maurizio Sarri, Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Sarri, si aspetta l’annuncio del Chelsea. Ci siamo, ormai per la nomina di Maurizio Sarri come nuovo manager del Chelsea manca solo l’annuncio ufficiale. Il tecnico toscano vivrà dentro al centro sportivo dei Blues. Al Napoli andranno 5 milioni di euro per liberarlo. Il club londinese sta trattando la ricca buonuscita con Antonio Conte, poi comincerà il nuovo ciclo. Ancora una volta a Stamford Bridge ci sarà un tecnico italiano. In principio fu Claudo Ranieri, poi Carlo Ancelotti, Roberto Di Matteo e appunto Antonio Conte. A Londra Sarri avrà come vice Giovanni Martusciello e Gianfranco Zola, quest’ultimo ex gloria dei Blues. Intanto l’allenatore toscano avrebbe già fatto le prime richieste sul mercato. Il primo nome sarebbe quello di Matias Vecino, centrocampista uruguaiano dell‘Inter. Sarri ha già avuto Vecino ai tempi dell’Empoli e lo avrebbe rivoluto con sé anche al Napoli. Nerazzurri e il Chelsea potrebbero anche intavolare uno scambio tra Vecino e Zappacosta.

Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"

L‘Inter, ceduto Santon alla Roma nell’affare Nainggolan, cerca un terzino sul calciomercato. Zappacosta piace e l’ex Torino potrebbe vedere di buon occhio il suo rientro in Italia. Altro nome che Sarri avrebbe fatto ai suoi nuovi dirigenti è quello di José Callejon. Lo spagnolo, dal 2013 al Napoli, è stato uno dei fedelissimi di Sarri nel triennio azzurro del tecnico toscano a Castelvolturno. Callejon è seguito anche dal Milan, visto che i rossoneri potrebbero perdere Suso nel corso del calciomercato. Sarri al Chelsea, l’ennesima scommessa di Roman Abramovich con un tecnico italiano sta per cominciare, sarà vincente anche stavolta?

Sarri, Italian Job vincente come in passato?

Che Abramovich abbia una speciale predilezione per gli allenatori italiani ormai è cosa nota. Il patron russo del Chelsea, in 15 anni da proprietario dei Blues, ha avuto già quattro tecnici provenienti dall’Italia. L’unico a non alzare trofei è stato Claudio Ranieri, ma era il primo anno del magnate russo a Stamford Bridge. Ancelotti e Conte hanno vinto sia il titolo della Premier League che l’FA Cup. La gioia più grande ad Abramovich l’ha però regalata Roberto Di Matteo. L’ex centrocampista della Lazio e del Chelsea nel 2012 vinse la Champions League, in finale contro il Bayern Monaco. In quella magica stagione il manager italo-svizzero vinse anche l’FA Cup.

Leggi anche:  San Paolo acceso tutta la notte in memoria di Diego Maradona

Sarri dunque dovrà cercare di mantenere questa positiva tradizione italiana al Chelsea. L’ex tecnico del Napoli non avrà il piacere di giocare la Champions League, ma si dovrà accontentare dell’Europa League. Sarri cercherà di riportare in alto il Chelsea, dopo che nell’ultima stagione i Blues non sono mai stati in lotta per il titolo. In verità non c’è stata nessuna squadra, perché il Manchester City di Guardiola ha fatto corsa a sé per tutta la stagione. Magari Sarri potrà fare un colpo di telefono a Carlo Ancelotti, sia per chiedere informazioni sul Chelsea e anche per dare qualche dritta sull’ambiente napoletano al neo tecnico partenopeo. Nonostante l’Italia non sia presente ai Mondiali di Russia 2018, i nostri tecnici sono sempre tra i più richiesti in Europa. Magra consolazione, ma pur sempre una consolazione. Tutta azzurra.

  •   
  •  
  •  
  •