Calciomercato Juventus: 9 anni fa lo sbarco di Ronaldo al Real, oggi l’addio?

Pubblicato il autore: fabricondo Segui

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images selezionata da SuperNews)

3.285 giorni fa. Neanche a farlo apposta, Cristiano Ronaldo potrebbe dire addio al Real Madrid a 9 anni esatti dal suo arrivo in pompa magna al Santiago Bernabeu, dove ad attenderlo c’erano 80.000 tifosi in estasi: 6 luglio 2009. Oggi, 6 luglio 2018, potrebbero scorrere i titoli di coda sulla storia con i Blancos di CR7, pronto a sbarcare sul pianeta Juventus, in piena fibrillazione da giorni. Un segno del destino?

Che sia o no questo “il giorno”, ormai tutto sembra apparecchiato per l’arrivo del fuoriclasse portoghese a Torino. Il colloquio tra Florentino Perez e Jorge Mendes ha in pratica sancito il divorzio tra il giocatore e la Casa Blanca e il presidente ha posto un’unica condizione per l’abbassamento della clausola a 100 milioni: dev’essere Ronaldo a presentarsi davanti ai microfoni per annunciare la volontà di lasciare Madrid. Ma se la rottura fosse brusca, pretenderebbe un miliardo di euro, come a dire che l’affare è impossibile, perché, come sa bene anche CR7, “niente è più grande del Real”.

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

Se il Real è il sole che illumina il mondo calcistico, la Juve è l’imperatrice d’Italia, che attende il Principe Azzurro giusto per la consacrazione europea. Un ruolo che sembrava adatto a Higuain, ma la Coppa dalle grandi orecchie ha continuato a girare a largo dalla Torino bianconera anche con l’arrivo del Pipita, nonostante gli scudetti a grappoli e le Coppe Italia in serie. Per salire l’ultimo gradino che porta alla gloria della Champions, devono aver pensato a Vinovo, non basta il Grande, serve il Migliore, Messi permettendo. Serve uno che in carriera la Coppa dei Campioni l’ha già alzata 5 volte, una col Manchester United e 4 con il Real Madrid. Così sulla scrivania di Agnelli è finito il biglietto da visita con la firma inconfondibile di CR7.

Leggi anche:  Juventus, testa al mercato: aperta l'idea su Milik e Giroud

Tra i due il feeling è stato immediato, se è vero, come scrive Marca, che il presidente juventino  e Ronaldo si sono sentiti ben 28 volte al telefono in questo bollente inizio di luglio. Il portoghese, con la delusione mondiale ancora appiccicata sulla pelle, ha sete di rivincita e ha dato la sua parola ad Agnelli già da tempo. Si sente tradito dal Real e non intende ascoltare alcun’altra proposta: lui si vede già con la maglia bianconera addosso, per la gioia degli inebriati tifosi della Signora, che non vedono l’ora di correre in massa a Caselle per dargli un caloroso benvenuto.

“Sarebbe una nuova sfida” la frase sibillina del potentissimo Mendes, che con Cancelo ha aperto un’autostrada per Ronaldo, direzione Allianz Stadium, dove CR7 ha già raccolto applausi per quel capolavoro in rovesciata appena qualche mese fa. Gettate le basi, ora mancano carte, dettagli e firme per celebrare ufficialmente quello che Tuttosport ha definito “il colpo del secolo”. Iperboli a parte, i tifosi della Juventus trascorrono l’ennesima estate da vincitori, ma Con un entusiasmo senza precedenti. Il numero 7 più famoso del mondo, l’uomo dei 5 Palloni d’Oro e che sa come si vincono le finali è in arrivo. E stavolta #finoallafine più che un hashtag è una speranza che si chiama Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •