Cristiano Ronaldo Juventus, quel curioso indizio di Beppe Marotta: i tifosi sognano

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
EIBAR, SPAIN - MARCH 10: Cristiano Ronaldo of Real Madrid reacts during the La Liga match between SD Eibar and Real Madrid at Ipurua Municipal Stadium on March 10, 2018 in Eibar, Spain . (Photo by Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images)

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

La clamorosa operazione Cristiano Ronaldo – Juventus è ancora ai nastri di partenza: sebbene inizialmente la notizia fosse considerata da tutti una pura suggestione di mercato, nelle ultime ore è diventata sempre più concreta e ricca di scenari e spunti di riflessione.
I tifosi bianconeri sognano il colpaccio della Vecchia Signora: difatti l’approdo del talento di Funchal all’ombra della Mole contribuirebbe ulteriormente alla crescita esponenziale della Juventus, concretizzatasi nelle ultime stagioni, per raggiungere il suo apice con l’approdo del portoghese a Torino.
Ormai è assodato che Cristiano Ronaldo ed il presidente del Real Madrid Florentino Perez sono ai ferri corti: la mancata accettazione, da parte della società madrilena, di rinnovo del contratto del fuoriclasse lusitano, con annesso adeguamento dell’ingaggio ai parametri da quest’ultimo fissati, è la causa scatenante del dissidio.
Sarà dura, complicata, vedere il calciatore portoghese alla Juventus, ma non per questo impossibile, anche perché ci sarebbero talune condizioni a favore (vedasi l’apposizione di una clausola particolare sull’ultimo contratto rinnovato da Cristiano Ronaldo a favore delle squadre di Serie A, che abbasserebbe drasticamente l’importo da versare la Real Madrid in caso di rescissione contrattuale), fino al tesoretto che la Vecchia Signora sta continuando ad accumulare in virtù di alcune cessioni già da tempo programmate ed ancora in itinere, se si pensi al possibile addio di Gonzalo Higuain e di Daniele Rugani, finiti nell’orbita del Chelsea del quasi prossimo tecnico Maurizio Sarri, o meglio ancora alla vendita di Miralem Pjanic, richiesto a più riprese dal Barcellona, che frutterebbe un ulteriore gruzzoletto di denaro pronto da investire.

Leggi anche:  Barcellona Milenkovic, sarebbe lui il sostituto di Piqué: lo spagnolo starà fuori sei mesi

Lo strano indizio che fa sognare i tifosi della Juventus: Beppe Marotta non smentisce sull’affare Cristiano Ronaldo

Nelle fasi più concitate del tam tam mediatico seguente all’annuncio esclusivo della trasmissione spagnola ‘Jugones’, in onda sull’emittente La Sexta, in merito all’affare Cristiano Ronaldo da parte della Juventus non è giunta la classica smentita alla quale siamo abituati ormai da tempo: lo stesso Real Madrid l’ha attuata, allorquando sempre i media spagnoli, stavolta con TVE, facevano circolare un’altra indiscrezione che evidenziava come Neymar fosse vicinissimo ai Blancos e che questi ultimi avessero già formalizzato una faraonica offerta che si aggirava sugli impronunciabili 310 milioni di euro.
Anzi vi è di più perché l’amministratore delegato del club bianconero, Beppe Marotta, raggiunto in centro a Milano da Sky Sport, non solo non ha smentito la trattativa, ma si è lasciato andare ad una semplice battuta, una delle più classiche del fantasioso scenario di calciomercato, ossia “non parlo”, accompagnato da un sorrisetto tanto malizioso quanto indicativo.
È inutile sottolinearlo, qualcosa di vero c’è, soprattutto se all’orizzonte compare un certo Jorge Mendes, procuratore appunto di Cristiano Ronaldo. Quell’incontro a Milano per definire l’operazione Cancelo, in realtà, non è servito solo per chiudere la trattativa in quanto tale, ma per porre le basi per un’affare ancor più importante, cioè l’approdo del fuoriclasse portoghese alla corte di Massimiliano Allegri.
E a rendere ulteriormente veritiera la circostanza è che la stampa spagnola si è divertita a rincarare la dose, annunciando come appunto Cristiano Ronaldo sia addirittura alla ricerca di una casa, non una qualunque, ma una bella villetta, proprio a Torino: sarà ancora una volta suggestione?

  •   
  •  
  •  
  •