Mercato: Bruno Alves approda a Parma. Sarà lui il baluardo difensivo dei gialloblù

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

PARMA, ITALY - OCTOBER 21: Emanuele Calaiò #9 of Parma Calcio celebrates after scoring the 2-1 goal during the Serie A match between Parma Calcio and Virtus Entella at Stadio Ennio Tardini on October 21, 2017 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)Dopo un susseguirsi di rumours e di ipotetiche trattative, il club ducale ha messo a segno un colpo prestigioso al fine di rafforzare il reparto arretrato. Torna in serie A, dopo una stagione trascorsa in Scozia tra le fila del Glasgow Rangers, Bruno Alves, roccioso difensore centrale portoghese, che dall’alto dei suoi 36 anni e dalla spiccata esperienza accumulata nel corso della sua lunga carriera, avrà il compito di non far rimpiangere l’ex capitano Alessandro Lucarelli, assumendo i galloni da leader nel coordinare il pacchetto difensivo, rappresentando, per mister D’Aversa, un elemento carismatico su cui poter far leva per raggiungere il prima possibile la salvezza.

Reduce dal Mondiale in Russia che ha visto il Portogallo uscire agli ottavi di finale per mano dell’Uruguay, Bruno Alves si aggregherà al resto della squadra non prima della fine di luglio. Come detto precedentemente, per il difensore lusitano si tratta di un gradito ritorno in Italia, in quanto nella stagione 2016/2017 militò nel Cagliari, lasciando un buon ricordo dalle parti dell’isola. Bruno Alves collezionò ben 36 presenze in campionato, impreziosite dalla rete da cineteca realizzata al cospetto del Bologna, attraverso un calcio di punizione imparabile. A seguire venne ceduto al Glasgow Rangers, dove nell’ultimo campionato ha inanellato 19 apparizioni. Le pagine migliori della sua carriera le ha scritte, però, in Patria, con addosso la maglia del Porto, conquistando per quattro volte il titolo di campione di Portogallo, due coppe nazionali e nel 2009 venne insignito del riconoscimento come “giocatore dell’anno“.

Leggi anche:  Isco-Inter, il padre-agente: "C'è la volontà"

Soddisfacenti anche le sue avventure in Russia con lo Zenit San Pietroburgo e in Turchia tra le fila del Fenerbache. Con lo Zenit si laureò campione nel 2010 ed ottenne, altresì, la Supercoppa nazionale. Medesimo score nel Bosforo, in cui oltre al titolo di campione di Turchia nella stagione 2013/2014, alzò al cielo, l’anno successivo, la Supercoppa turca. L’anno magico fu poi il 2016, quando in Francia, conquistò l’Europeo con la nazionale portoghese, superando in finale i padroni di casa transalpini. Un palmares degno di nota, quindi, per un calciatore che non ha nessuna intenzione di appendere gli scarpini al chiodo, ma vorrà mettere a disposizione dei ducali la sua sublime esperienza e pregevole caratura, al fine di intraprendere un nuovo cammino con lo scopo di vincere tale scommessa. Una Parma entusiasta lo attende a braccia aperte e di certo Bruno Alves farà di tutto per non disattendere le premesse.

  •   
  •  
  •  
  •