Mercato Juventus, Palmeri: “Ronaldo in bianconero? È tutto vero”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui
ZURICH, SWITZERLAND - MARCH 23: #7 Cristiano Ronaldo of Portugal looks on during the International Friendly between Portugal and Egypt at the Letzigrund Stadium on March 23, 2018 in Zurich, Switzerland. (Photo by Robert Hradil/Getty Images)

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ieri, il quotidiano sportivo spagnolo, Marca, ha aperto il suo giornale con una vera e propria “bomba” di mercato: la Juventus su Cristiano Ronaldo. In un primo momento si è pensato che fosse una notizia fake, sulla falsa riga di quanto fatto a gennaio dal Corriere dello Sport che diede per fatto il passaggio di Icardi al Real Madrid. Anche perchè in molti, compresi i sostenitori bianconeri che per primi hanno accolto con scetticismo la notizia, si sono chiesti: come potrebbe la Juventus pagare una clausola da un miliardo di euro, e allo stesso tempo garantire al giocatore un contratto da 30 milioni all’anno per 4 anni? Impossibile, verrebbe da dire. E invece no. Perchè secondo molti esperti di calciomercato, Florentino Perez, a gennaio, avrebbe fatto inserire nel contratto di CR7 una clausola rescissoria valida solo per la Serie A, il cui ammontare è: 100 milioni di euro. Non pochi, ma senza dubbio più abbordabili del miliardo di cui si parlava in precedenza. Una cifra questa che la Juventus potrebbe raggiungere sacrificando qualche giocatore. Chi? Primo fra tutti, Gonzalo Higuain. El Pipita interessa molto al Chelsea, dove con potrebbe ritrovare il suo vecchio allenatore ai tempi del Napoli, Maurizio Sarri. Ma non sarebbe l’unico sacrificabile. Infatti anche Pjanic e Dybala potrebbero rientrare nella lista dei partenti. Sul primo, sembrerebbe forte l’interesse del Barcellona; sull’argentino, invece, ci sarebbe l’intresse di diverse squadre, come PSG e Barcellona, ma non sarebbe da escludere un suo trasfeimento al Real nell’ambito dell’operazione che porterebbe Ronaldo alla Juve.

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

Conferme sull’affare Ronaldo-Juventus arrivano dal giornalista, Tancredi Palmeri che sul suo editoriale per Tuttomercatoweb ha scritto: E’ tutto vero: Cristiano Ronaldo non è soltanto nel mirino della Juventus (che fa già impressione dirlo), ma è oggetto di trattativa seria, considerata, e concreta. Non siamo ancora allo stadio di proposta accettata, né da Real Madrid né da giocatore, ma al momento nessuno dei due club che possono permettersi il pacchetto Cristiano, ovvero PSG e Manchester United, hanno mostrato alcun interesse. E dunque l’affare rimane aperto per la terza via, qualora offra il giusto prezzo e le giuste ambizioni: la concretezza delle sfide Champions della Juventus soddisfa la fame atavica di vittorie di Cristiano; rimane, e non è poco, la questione del giusto prezzo. Ma Andrea Agnelli ha deciso di provarci seriamente: non un’offerta tipo quella per Falcao 4 anni fa, quando la Juve sì partecipò prima che andasse allo United, ma con due terzi del salario offerti dal City. No, stavolta si è deciso di rompere la banca. E di ingegnarsi perché sia possibile. Il che vuol dire un acquisto oltre i 100 milioni, forse più verso i 150 milioni. E soprattutto uno stipendio da 30 milioni netti di €, il che vuol dire comprese le imposte una spesa monstre di 240 milioni in 4 anni comprese le tasse. Non è ancora stata formulata l’offerta in quel senso, ma è partito il progetto per mettere in moto il piano possibile”.

Infine Palmeri mette in guardia la Juve: “Il percorso è tortuoso, ma è chiaro, ed è percorribile. Occhio però, perché non è assolutamente, minimamente esclusa la possibilità che sia Florentino che Cristiano si stiano minacciando a vicenda la fattibilità dell’operazione, per semplicemente provare a convincere l’interlocutore a cedere, rimanendo quindi tutto uguale al Real Madrid, ma alle condizioni di uno o dell’altro. La Juventus non può certo però rompere la squadra per nulla, dunque in verità già nel giro di una settimana si capirà se la rivoluzione portoghese è imminente”.

  •   
  •  
  •  
  •