Mercato Lazio: Correa ha detto “si”, estro e fantasia in casa biancoceleste

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto originale Getty Images © selezionata da SuperNews

Il presidente Claudio Lotito è alquanto  scatenato. Il numero uno della Lazio ha messo le mani su Joaquin Correa, attaccante argentino e all’occorrenza trequartista, elemento in grado di sostituire più che degnamente Felipe Anderson, volato oltremanica tra le fila del West Ham. L’operazione con il Siviglia si è conclusa sulla base di 16 milioni di euro più 3 di bonus, mentre il calciatore firmerà un contratto dalla durata quinquennale da 1,5 milioni di euro a stagione.

Per quanto concerne l’assetto tattico imbastito da Simone Inzaghi, l’innesto di Correa risulterà, quasi certamente, prezioso, considerando l’estro, la fantasia e il pregevole tocco di palla, ingredienti che lo rendono un furetto imprendibile sia in zona gol che alle spalle della punta centrale. Il suo compito sarà quello di innescare Immobile e altresì di regalare soddisfazioni ai supporters capitolini provando a mettere in difficoltà le difese avversarie. Per Correa l’approdo alla Lazio testimonia un ritorno nella nostra serie A, avendo militato nella Sampdoria dal gennaio del 2015 a giugno 2016, collezionando in campionato 31 presenze impreziosite da 3 reti. Sin da subito apparve chiaro il suo stile di gioco e la sua classe cristallina, anche se per via della giovanissima età quando approdò all’ombra della Lanterna, spesso si rese protagonista di alcune clamorose ingenuità in mezzo al campo, soprattutto in fase realizzativa, errori che diedero adito a commenti che lo indicavano piuttosto acerbo per il nostro campionato. A seguire, nell’estate del 2016,  attraverso un’operazione di circa 18 milioni di euro, bonus compresi, il club blucerchiato lo ha ceduto al Siviglia.

In Andalusia trova maggiore spazio, mettendo in luce le sue eccelse doti offensive. Tra campionato e coppe colleziona in due stagioni 73 presenze e 15 gol, di cui due realizzati in Champions League. Nel corso di questi anni trascorsi in Spagna ha maturato una maggiore esperienza, anche in campo internazionale, ed ora pare essere alquanto pronto per affrontare nuovamente gli ostacoli che presenta la nostra serie A. La Lazio aveva bisogno di un calciatore talentuoso e dalle doti tecniche sopraffine e quale profilo migliore di Correa per sostituire Felipe Anderson, uno di quelli che seppur tra sali e scendi ha infiammato i tifosi della Curva Nord. L’argentino è pronto a mettersi a disposizione di mister Inzaghi con l’obiettivo di dimostrare a tutti che quel ragazzo ammirato a Marassi, forse troppo acerbo, è cresciuto ed è consapevole dei propri mezzi al fine di scrivere pagine importanti con addosso la casacca biancoceleste.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Torino Schone, un regista per Nicola: è duello tra il danese ex Genoa e Pulgar
Tags: