Milan – Milinkovic Savic, La Stampa rilancia: “Incontro a Roma tra l’agente e Leonardo”

Pubblicato il autore: Stefano Cabrini Segui
Sergej Milinkovic Savic segna il gol del 3-1 21-01-2018 Roma Campionato Italiano Serie A Tim incontro SS Lazio Vs Chievo Verona allo stadio Olimpico di Roma. Match day SS Lazio Vs Chievo Verona at the Olimico Satium in Rome. @ Marco Rosi / Fotonotizia

Sergej Milinkovic Savic – Foto Getty Images© scelta da SuperNews


Leonardo
sul possibile arrivo di Milinkovic-Savic al Milan ha sempre detto: “Un fenomeno“, per poi dire di non sognare troppo l’acquisto del serbo.
Più credibile la prima o la seconda tesi? La verità sta nel mezzo, una bozza d’incontro pare ci sia stata tra il nuovo direttore tecnico rossonero e l’agente del calciatore in forza alla Lazio.

Leonardo ci vuole provare fino in fondo: si parla di 40 milioni per il prestito oneroso (comprendendo il cartellino di Jack Bonaventura) e 80 per l’obbligo di riscatto, aggirando così i paletti imposti dal FPP, un po’ come è successo nell’operazione Higuain della settimana scorsa. Di questi e di altri aspetti, Leonardo avrebbe parlato – stando alla Stampa – nel corso di un incontro avvenuto a Roma con gli agenti del serbo, ipotesi che, tuttavia, al momento, non trova conferme.
Sappiamo tutti che il presidente Lotito è un osso veramente duro per ogni trattiva che si possa intavolare, riguardo alla cessione di uno dei suoi giocatori di punta, ha rifiutato offerte molto alte dall’estero (Real Madrid e Manchester United su tutte) ma non ha ancora smentito definitivamente questi rumors dicendo solo che non se ne andrà né in prestito né per uno scambio.
Nonostante la assoluta complessità dell’affare, di sicuro non sarà il colpo dell’anno (un certo CR7 è appena passato alla Juventus togliendo visibilità e notorietà a ogni operazione del calciomercato), ma il Milan regalerebbe a Gattuso un giocatore universale che giocherebbe ad alti livelli per minimo altri dieci anni.

Leggi anche:  Genoa-Milan, streaming e diretta tv Sky? Dove vedere Serie A

Reduce da un Mondiale non di primo livello, ma dopo aver giocato alla grandissima due stagioni alla corte di Simone Inzaghi, Sergej Milinkovic-Savic si è consacrato uno dei più validi e completi prospetti nel suo ruolo in Europa.
Corsa, tenacia, fisicità, inserimenti e tecnica fanno del serbo classe ’95 forse un giocatore unico, tanto da far impennare il costo del suo cartellino superiore ai 100 milioni di Euro.
Figlio d’arte, Sergej nasce 23 anni fa in Spagna poiché il padre ha militato lungo nella Liga. La sua è una famiglia di sportivi: la madre era una giocatrice di pallacenestro e il fratello Vanja è di proprietà del Torino.
Cresciuto calcisticamente nel Grazer AK, si afferma poi nel Vojvodina e dopo un’annata al Genk e un ottimo mondiale vinto con l’under 20 serba inizia ad attirare attenzioni da tutta Europa.
Nel 2015 la Fiorentina l’aveva praticamente tesserato, con tanto di foto e passeggiata all’interno dello stadio Franchi, ma poi qualcosa deve essere andato storto e Tare e Lotito non si lasciarono sfuggire l’occasione.
Da allora tre anni alla Lazio dove fino ad ora ha realizzato 17 reti in 94 partite oltre a molti assist e un modo di giocare unico e funzionale per gli schemi di Inzaghi.
Tutta l’Europa è pazza di questo giocatore: Perez ci ha provato per il suo Real Madrid, Mourinho lo vuole con sé, Leonardo se ne è invaghito e lo vorrebbe trasformare da sogno a realtà.
Bomba di mercato o qualcosa di vero c’è? Dopo Higuain e Caldara, per Leonardo nulla sembra essere così impossibile: ha davvero qualcosa in… serbo?

  •   
  •  
  •  
  •