Stipendi Milan 2018/2019: Higuain il più pagato tra i rossoneri

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Gonzalo Higuain – Foto Getty Images© per SuperNews

Stipendi Milan 2018/2019, crescita del 25% per gli ingaggi rossoneri. Come ogni anno, con la chiusura del calciomercato, vengono pubblicati gli stipendi netti dei calciatori di Serie A. Per quanto riguarda il Milan, targato Elliott, c’è da notare una crescita del monte stipendi del 25%. Si passa dai 103 milioni dell’anno passato ai 129 della stagione in corso. A questi numeri ci si arriva utilizzando le rilevazioni della Gazzetta dello Sport sugli stipendi dei calciatori della Serie A 2018-2019, riportati al netto dell’imposizione fiscale, e applicando al monte ingaggi le aliquote Irpef attualmente in vigore in Italia. A far crescere il monte stipendi Milan 2018-2019 ha contribuito in particolare l’arrivo in rossonero di Gonzalo Higuain, che secondo la Gazzetta dello Sport percepirà una stipendio netto di 9,5 milioni (altre fonti hanno indicato 8,5 milioni l’ingaggio netto del pipita).

Leggi anche:  Capitolo Gollini: cessione possibile a fine anno. L'Atalanta valuta la situazione (e le offerte)

Stipendi Milan 2018/2019, gli ingaggi dei nuovi arrivati. Anche alcuni dei nuovi arrivi hanno ingaggi importanti. Secondo le rilevazioni della Gazzetta, ad esempio, Bakayoko percepisce uno stipendio netto di 3,5 milioni, mentre Pepe Reina guadagna 3 milioni netti a stagione. Caldara si attesta sui 2,2 milioni a stagione, mentre Strinic si ferma a 2. Poco sotto c’è Laxalt, l’ex Genoa percepisce 1,7 milioni annui. Ancora un po’ più giù ci sono Halilovic e Castillejo, entrambi con un ingaggio di 1,5 milioni a stagione. Il più “povero” della rosa del Milan è Alessandro Plizzari. Il giovane portiere, diventato maggiorenne qualche mese fa, guadagna 200 mila euro all’anno. Ma il ragazzo si farà, a Milanello non hanno dubbi in proposito.

Stipendi Milan, cinque rossoneri in scadenza a giugno 2019

Stipendi Milan, rinnovi in vista? Sono cinque i giocatori rossoneri che hanno il contratto in scadenza nel prossimo mese di giugno. Il caso più spinoso riguarda Montolivo. L’ex capitano è ai margini della rosa, ma è stato comunque inserito nella lista Uefa per l‘Europa League. Possibile che a gennaio parta, ma intanto Gattuso può sempre contare su di lui per ogni evenienza. Altro senatore milanista in scadenza è Ignazio Abate. Il terzino non gioca molto, ma è un elemento molto importante a Milanello. Così come Zapata. Il difensore colombiano sta recuperando e vuole meritarsi la riconferma per le prossime stagioni.

Leggi anche:  Milan, Mino Raiola atteso per ultime definizioni: Zlatan rinnova, si parlerà di Donnarumma

Stipendi Milan, quale futuro per Bertolacci e Bonaventura? In tema di rinnovi c’è da capire cosa succederà per Andrea Bertolacci. L’ex Genoa è stato fortemente trattenuto da Gattuso e per lui si potrebbe pensare ad un rinnovo, se confermerà sul campo quanto di buono fatto vedere in estate durante la preparazione. Diverso il discorso per Bonaventura. L’ex atalantino, attraverso il suo agente Mino Raiola, aveva intavolato le trattative con la vecchia dirigenza per il rinnovo. Ora si tratterà di mettere nero su bianco con la nuova proprietà. Non ci dovrebbero essere sorprese in tal senso. Anche se quando c’è di mezzo Raiola non si ha mai la certezza di nulla.

  •   
  •  
  •  
  •