SuperMario Balotelli: Futuro lontano da Brescia?

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

SuperMario

Il Brescia, come le altre squadre di Serie A, ha ricominciato gli allenamenti facoltativi all’interno del proprio centro sportivo che, in queste prime giornate di lavoro, ha visto entrare al proprio interno praticamente tutti i giocatori, ad eccezione, come riportato da Tuttosport, di Bisoli e Viviani, entrambi in accordo con la società, e di SuperMario Balotelli che ha preferito allenarsi in solitaria lontano da Torbole Casaglia.

SuperMario, ennesima chance sprecata?

Mario Balotelli era arrivato a Brescia portandosi dietro il fardello della nuova ennesima chance, ma questa sembrava avere tutto un altro sapore visto e considerato che si trattava dalla squadra vicino casa e che quindi gli dava la possibilità di stare vicino alla famiglia. Nonostante le 5 reti in 19 presenze neanche a Brescia è mai veramente scoccato l’amore tra Mario e la gente locale, oltreche con la società. Il Brescia si era tutelato nei confronti degli atteggiamenti di SuperMario inserendo nel contratto una clausola di rescissione in caso di retrocessione. Questa clausola, purtroppo per i tifosi delle rondinelle, è molto vicina all’essere esercitata visto che le speranze di salvezza sono veramente poche. E’ lecito, dunque, pensare che nel futuro di Balotelli ci sia, ben presto, un’altra valigia da fare. Le squadre possibili in questo momento sembrano essere il Vasco Da Gama o il Galatasaray. Un futuro, quello del numero 45, diviso tra la possibiltà di tornare in Brasile, dopo i disastrosi mondiali del 2014, oppure emigrare verso Oriente, nell’affascinante Instanbul. L’unica cosa che sembra essere certa è che SuperMario preparerà le valigie per andar via dall’Italia e dalla famiglia. Ma a salutare Balo sarà anche quella nazionale tanto rincorsa nelle sue avventure da calciatore, raggiunta, presa e poi lasciata scappare per i suoi atteggiamenti. Andare in Brasile significherebbe riannodare anche questa parte del suo passato, ma la cosa certa è che il fardello dell’ennesima ultima chanche lo accompagnerà ancora.

 

  •   
  •  
  •  
  •