L’Equipe aiuta Balotelli: ecco i consigli per la sua prossima squadra

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

L’Equipe aiuta Balotelli, nella sua edizione odierna: il titolo dell’approfondimento del quotidiano francese su SuperMario infatti è “Aiutiamo Mario Balotelli a trovare una nuova squadra“. Balotelli, infatti, andrà via dal Brescia, squadra nella quale ha militato in questa stagione: un epilogo che non era imprevedibile, visto che la permanenza di Mario era legata alla salvezza (decisamente non facile da raggiungere) del club, ma imprevedibile è sicuramente la modalità con cui si sta consumando tale divorzio. Si finirà in Tribunale, con la lettera di licenziamento per giusta causa recapitata al ragazzo, e Balotelli che invece si oppone a tale trattamento e, dopo aver saltato alcuni allenamenti (la causa del licenziamento), si ripresenta al campo. Insomma, classiche “balotellate”: ma ora dove andrà?

L’Equipe aiuta Balotelli, cinque possibilità per lui

L’Equipe, dunque, ha stilato una lista di squadre che potenzialmente potrebbero essere quelle giuste per Balotelli, anche se, ormai, sembra davvero evidente che il suo problema non sia la squadra in cui si trova né tanto meno l’allenatore che lo allena, ma semplicemente la sua testa. In ogni caso, ecco la lista.

LOS ANGELES GALAXY: potrebbe essere l’erede di Ibra agli Galaxy. Lì, dove il calcio è oggettivamente di livello inferiore, un giocatore con le qualità di Mario sarebbe potenzialmente straripante. A Los Angeles, avendo avuto Ibrahimovic, sanno come aver a che fare con le personalità forti. Se l’America non se lo mangia, può essere il posto giusto per Balo.

BORUSSIA DORTMUND: non tanto per il club in sé, quanto per il suo allenatore. Con Favre, Balotelli ha lavorato per tre anni a Nizza, forse le migliori stagioni dell’ultimo periodo per lui: il rapporto non sarà stato idilliaco, ma il tecnico francese sapeva gestirlo, e nel Nizza i gol li ha sempre segnati. A Dortmund, però, in un paese dalle regole ferree come la Germania, ci starebbe?

MARSIGLIA: In sei mesi a Marsiglia, Balo ha amato e si è fatto amare. 15 presenze, 8 gol e poi via, perché l’Olympique non poteva permettersi di tenerlo. Però il rapporto coi tifosi era stato ottimo, ed anche quello con Villas-Boas: il ritorno sembra difficile, ma non sarebbe una cattiva idea, per lui, tornare dove è stato bene.

NAPOLI: utopia questa, utopia pura. E’ il sogno nel cassetto di Balotelli, giocare in quel Napoli del quale la figlia è tifosa e nella cui città è venuta alla luce. Ci ricordiamo tutti il suo pianto dopo una sostituzione a seguito di una prestazione modesta: il legame affettivo con la città c’è, quello contrattuale con il club probabilmente non ci sarà mai. Almeno finché DeLa non smetterà di opporsi.

ATLETICO MADRID: alla corte del Cholo c’è, attualmente, un certo Diego Costa, Non proprio l’essere più docile del Pianeta. Sarebbe un duro banco di prova per SuperMario: con un allenatore del genere, con un ambiente infuocato come quello del Wanda Metropolitano, non potrebbe azzardarsi a fare qualcosa di sbagliato. Il Cholo, anche lui non certo un tenero cucciolo, ha le spalle più larghe di lui: neanche un errore sarebbe perdonato. Un po’ troppo, per Mario.

  •   
  •  
  •  
  •