9^ tappa Tour 2014, a Mulhouse vince Martin. Gallopin nuova maglia gialla

Pubblicato il autore: Vincenzo Di Vaio Segui

9^ tappa tour 2014

Roma – Il Tour 2014 conosce la sua terza maglia gialla: dopo Kittel e Nibali, il nuovo leader della corsa è Tony Gallopin, corridore francese della Lotto Belisol. Sorridono gli appassionati d’Oltralpe che domani, nel giorno della Presa della Bastiglia, potranno ammirare un loro connazionale vestito di giallo.
Intanto a Mulhouse arriva la quinta vittoria tedesca di questo Tour 2014: la 9^ tappa va a Tony Martin dell’Omega Pharma. Il teutonico è riuscito a concretizzare una fuga partita addirittura al kilometro numero 17, quando è scattato insieme al nostro Alessandro De Marchi, poi staccato a poco più di 50 km dall’arrivo. All’inseguimento dei due fuggitivi si è lanciato un folto drappello di corridori, tra i quali proprio Tony Gallopin riuscito a ribaltare la sua posizione in classifica, spodestando Nibali scivolato a 1’34” dal nuovo padrone del Tour. Martin, oltre ad essere il vincitore della 9^ tappa, è la nuova maglia a pois del Tour 2014.

Leggi anche:  Fabio Aru racconta la sua nuova esperienza con la Qhubeka

Maglia gialla Tour 2014, Nibali non fa drammi

Oggi i big non si sono mossi. Contador è rimasto alla ruota di Nibali, così come Porte e Valverde. L’ex maglia gialla ha lasciato fare ai fuggitivi (è arrivato con 7’47” di ritardo da Martin) ed ha accettato la perdita dello scettro di leader senza problemi. Dietro ci potrebbe essere la volontà dello Squalo di non voler affaticare la sua squadra, già segnata da quasi una settimana di controllo del gruppo, per poi rilanciare la sua azione già domani, in vista di una frazione contraddistinta da molte salite. Cambia solo il padrone della maglia, il Tour dei big continua con gli stessi protagonisti, visto che probabilmente Gallopin avrà una veloce parentesi con il giallo. “Ho perso la maglia ma non perdo la testa. – ha affermato Nibali ai microfoni della Rai – Ora toccherà alla Lotto lavorare in una tappa molto dura come quella di domani. Oggi nessuno c’ha aiutato ci siamo difesi bene, siamo molto tranquilli. La squadra ha lavorato benissimo, qualcuno si è consumato. Domani vediamo cosa succederà“.

Leggi anche:  Fabio Aru racconta la sua nuova esperienza con la Qhubeka

Tour 2014, l’altimetria della tappa di domani

Domani ultima tappa sui Volgi per la Grand Boucle. La frazione che da Mulhouse va a La Planche des Belles Filles (161,5km) vede ben 7 Gpm, di cui quattro di prima categoria con l’ultimo proprio sul traguardo finale. Qualche big attaccherà il debole primato di Gallopin e quello ombra di Nibali, che ha mantenuto inalterati il vantaggio su Contador e compagnia.

10_PROFIL

 

 

  •   
  •  
  •  
  •