Giro d’Italia 17° Tappa, le interviste ai protagonisti

Pubblicato il autore: Andrea Pertile Segui

giro-ditalia-logo
La diciassettesima tappa dell’edizione 2016 del Giro d’Italia, con partenza a Molveno (Trento) ed arrivo a Cassano d’Adda (Bergamo), ha visto l’ennesima vittoria tedesca. Dopo il tris di Greiper (ritirato) ed il bis di Kittel, oggi è il turno di Roger Kluge (Iam), che arriva al traguardo da solo lasciandosi alle spalle un gruppo numeroso formato anche dai nostri Nizzolo e Pozzato. La frazione di oggi non presentava particolari insidie, ma le emozioni non sono mancate. Già a tre chilometri dall’avvio, c’è stata una fuga a tre con Oss, Zhupa e Brutt ripresi dal gruppo degli inseguitori a 23 chilometri dal traguardo. Sia nell’unico GPM di Sant’Eusebio, sia nei traguardi volanti di Calco e Brescia, il trentino della Bmc è transitato per primo. In classifica generale, la situazione non cambia di molto: Kruijswijk ancora Maglia Rosa a 3′ su Chaves, 3’23” su Valverde e 4’43” su Nibali.

Leggi anche:  Dove vedere il Tour de France 2021, orari, streaming, diretta tv in chiaro?

18° Tappa Giro d’Italia, Muggiò – Pinerolo

La frazione di domani partità da Muggiò e terminerà a Pinerolo e sarà lunga 244 chilometri. Nel corso del percorso, la carovana toccherà le cittadine di Bollate, Rho, Trecate e Novara. Saranno due, invece, i traguardo volanti: il primo posizionato a Chivasso e l’altro a Rivoli. Il traguardo del GPM sarà sito in località Pramartino, prima di arrivare alla città di Pinerolo dove sarà posto il traguardo di Tappa.

17° Tappa Giro d’Italia, interviste

VINCENZO NIBALI: “SONO SEMPRE SOTTO ATTACCO, MA CONTINUO IL GIRO” – Consapevole di aver fatto sinora un Giro al di sotto delle attese, lo Squalo commenta così la sua condizione fisica dopo la tappa di Cassano d’Adda: “La condizione è quella che è, ma bisogna aspettare le tappe più dure. In questo momento non riesco ad esprimermi al meglio. Oggi era una frazione relativamente facile e a parte lo stress degli ultimi 40 km abbiamo passato una buona giornata. La mia situazione? Sono consapevole che questi non sono i miei standard ed è giusto avere un riferimento, ma penso proprio di continuare il Giro dopo aver fatto degli esami medici specifici”. Tutte altre dichiarazioni da quelle rilasciate questa mattina prima della partenza alla Gazzetta dello Sport, dove aveva affermato di essere messo troppo nel mirino della critica: “In questo momento mi sento un po’ sotto attacco mediatico, sento addosso mille pressioni. Si è detto che sto male ma non è questa la questione: quando si prende un distacco, quando il morale è a zero bisogna capire anche la persona che si ha di fronte”.

ROGER KLUGE, VINCITORE DI TAPPA: “STO VIVENDO UN SOGNO” – Ecco le parole a caldo del tedesco dopo la sua vittoria nella tappa odierna: “Un sogno è diventato realtà. Cecavo una grande vittoria perché nella mia carriera sono stato soprattutto secondo e terzo. All’ultimo km volevo andare avanti. Mi sono detto forse posso andare. Ho visto che c’era Pozzato lì davanti, ho proseguito ed è bastato per vincere”.

GIACOMO NIZZOLO: “DELUSO PER NON AVER VINTO” – Originario del bergamasco, Nizzolo commenta così il secondo posto nella tappa di oggi: “Oggi più che deluso sono dispiaciuto di non avere regalato una soddisfazione alla gente che è venuta. Non abbiamo rimpianti, abbiamo speso tutti gli uomini. Abbiamo fatto il massimo. Nel traguardo volante ho fatto gli sprint perché mi sentivo bene, la maglia rossa è un mio obiettivo come quella vedre al Tour. Cercherò di fare di tutto per tenermela sino a Torino”.

  •   
  •  
  •  
  •