Tour of Oman 2017: sulla Green Mountain vince Hermans davanti ad Aru

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui

Tour of Oman 2017

Il belga Ben Hermans ha vinto per distacco la quinta tappa del Tour of Oman 2017 con arrivo in salita sulla Green Mountain. Così facendo il corridore della BMC Racing Team, al secondo acuto nella corsa mediorientale, consolida e di fatto blinda la maglia rossa di leader della classifica generale. Alle sue spalle un ottimo Fabio Aru, che sul traguardo precede l’ex campione del mondo Alberto Rui Costa, mettendo il luce una condizione in crescendo in vista dei prossimi impegni stagionali. Buon piazzamento anche per Giovanni Visconti, quarto all’arrivo con un distacco di 27″ dal vincitore.

LA TAPPA – La quinta tappa del Tour of Oman 2017 è stata caratterizzata dalla lunga fuga di 5 corridori: Prebe Van Hecke, Daniel Ricardo Diaz, Mark Christian, Olivier Pardini e Jonatatan Clarke. I fuggitivi, dopo aver guadagnato un massimo di 6 minuti, vengono ripresi ai piedi della salita finale sotto la spinta della BMC di Hermans e dell’Astana di Aru. Qui inizia la bagarre tra gli uomini più forti in salita: il primo ad attaccare è proprio il leader della generale Hermans seguito dall’eritreo Kudus. Il belga dopo aver staccato il compagno di fuga riesce ad arrivare tutto solo sul traguardo con un vantaggio di 3″ su Aru e 11″ su Rui Costa.
Domani è in programma l’ultima tappa del Tour of Oman 2017 che presumibilmente vedrà un arrivo allo sprint e la passerella in maglia rossa di Ben Hermans.

Leggi anche:  Fabio Aru rinuncia al Tour de France. Le motivazioni

ORDINE D’ARRIVO QUINTA TAPPA TOUR OF OMAN 2017
1. Ben Hermans (BMC)
2. Fabio Aru (Astana) a 3″
3. Alberto Rui Costa (UAE) a 3″
4. Giovanni Visconti (Bahrain Merida) a 27″
5. Marhawi Kudus (Dimension Data) a 27″

CLASSIFICA GENERALE TOUR OF OMAN 2017
1. Ben Hermans (BMC)
2. Alberto Rui Costa (UAE) a 23″
3. Fabio Aru (Astana) a 35″
4. Merhawi Hudus (Dimension Data) a 58″
5. Tsagabu Gebremaryam (Bahrain Merida) a 1′ 12″

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: