Ciclismo Mondiali su Pista 2018, i risultati della prima giornata (28 febbraio)

Pubblicato il autore: Simone Iannnello Segui

I nostri atleti, sia uomini che donne, hanno dimostrato tutto il loro valore durante il primo giorno di Mondiali di ciclismo su pista, che si stanno svolgendo nella cittadina olandese di Apeldoorn. L’inseguimento maschile e femminile, infatti si classificano con prove che dimostrano grande classe e forza alle rispettive semifinali. Il quartetto maschile chiude agevolmente la prima manche di qualificazione con il secondo tempo assoluto di 3 : 56.406, dietro solo ad una grande prova della Gran Bretagna e ora l’obiettivo medaglie è qualcosa di molto concreto. Le nostre donne componenti del quartetto femminile invece chiudono con un ottimo terzo tempo di 4 : 21.559 e si aggiudicano anch’esse un posto per le semifinali. Le azzurre che hanno commesso qualche piccolissima sbavatura, hanno fallito il secondo posto solo per 2. 7 secondi dal tempo della squadra Usa.

Leggi anche:  Fabio Aru replica a Saronni sullo sfogo avuto al Tour

Liam Bertazzo, Filippo Ganna, Simone Consonni e Francesco Lamon dovranno affrontare ora la non semplicissima sfida contro la Danimarca, formazione rapida e pericolosa e che ha terminato la prima prova a solo 0.334 secondi dietro al nostro team. La nostra squadra parte secondo molti esperti del settore leggermente favorita ma è possibile che la sfida si decida per il millesimo di secondo. La gara tensione deve essere mantenuta alta per evitare errori nelle fasi decisive.

Tatiana Guderzo, Simona Frapporti, Elisa Balsamo e Letizia Peternoster hanno dato degli ottimi segnali soprattutto nei primi chilometri della corsa per poi perdere qualche importante secondo nei giri conclusivi ma soprattutto nelle ultime decisive centinaia di metri. Le ragazze italiane puntano alla medaglia ma nonostante la loro vittoria agli ultimi campionati europei di categoria partono sfavorite contro il team della Gran Bretagna, che affronteranno per accedere alle finali e che ha concluso la prima prova a soli 0.341 secondi dietro alle azzurre. Le speranze di una medaglia sono molto concrete per entrambe le nostre rappresentative ma per arrivare all’oro bisogna stare attenti e migliorare di molto le prestazioni fatte registrare fin qui.

Leggi anche:  Fabio Aru replica a Saronni sullo sfogo avuto al Tour

Per i nostri ragazzi nel caso probabile di una vittoria sulla Danimarca dovranno superare per la medaglia che conta la squadra vincente fra la favorita assoluta del torneo ovvero la Gran Bretagna e la buona Germania. Male a sorpresa i “kiwi” della Nuova Zelanda e i francesi che hanno dato prova a delle gare davvero scialbe e non degne del livello espresso negli ultimi anni. Una medaglia resta l’obiettivo minimo ma sognare in grande non costa nulla.

Per le nostre ragazze invece non è poi così semplice centrare l’obiettivo medaglie dai metalli preziosi, visto una Gran Bretagna davvero agguerrita e talentuosa ma non è assolutamente impossibile. Le azzurre devono migliorare gli errori fatti nella gestione della fatica e dare tutto fino all’ultimo millimetro del tracciato. Nel caso di una vittoria, il prossimo ostacolo per l’oro sarebbe la vincente della semifinale tra Usa e Nuova Zelanda. Le americane sono le campionesse in carica e sono favorite sulle loro colleghe neozelandesi. Le semifinali andranno in scena proprio in serata, ora non ci resta che rimanere incollati ai teleschermi, fare il tifo per i nostri colori e stare attenti al cronometro.

  •   
  •  
  •  
  •