Wiggins attacca il Team Sky, poi il consiglio a Pidcock:”Non andare lì, ti rovineranno”

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui


Schietto come al suo solito, Bradley Wiggins è tornato a far parlare di sé e del suo rapporto ormai ai minimi termini con il Team Sky, la squadra con cui nel 2012 riuscì a conquistare il Tour de France mettendosi alle spalle il compagno Chris Froome, obbligato a sottostare agli ordini del capitano nonostante la superiorità evidente, e Vincenzo Nibali. Ebbene, in occasione della presentazione delle nuove divise della sua formazione Continental, il Team Wiggins, il Baronetto è intervenuto commentando la situazione che negli ultimi mesi sta coinvolgendo proprio il Team Sky, usando parole al veleno.

Il britannico, detentore del record dell’ora con 54,526 km percorsi, nel corso della serata si è lasciato andare davanti ai microfoni, proponendo delle soluzioni da adottare per contrastare la netta superiorità della squadra di Sir David Brailsford, dimostrata anche in questo avvio di stagione nelle prime gare disputate:“Non sono barzellette o frecciate, questa è la realtà dello sport in questo momento. Ho visto i risultati solo la scorsa settimana della Ruta del Sol in Andalusia, o dovunque fosse, e sono la migliore squadra del mondo. Quante gare hanno vinto la scorsa settimana? E in questo momento si parla molto di loro, anche con discorsi negativi”, ha dichiarato Wiggins, alludendo alle vittorie centrate da Wout Poels e David De la Cruz in Spagna (dove l’olandese è arrivato secondo in classifica generale dietro a Tim Wellens, con Froome 10°), ma anche alle due vittorie ottenute da Michal Kwiatkowski alla Volta ao Algarve, dove il polacco ha chiuso al primo posto davanti al compagno di squadra Geraint Thomas.

Leggi anche:  Fabio Aru verso l'annuncio della sua nuova squadra

“Si deve fare qualcosa – ha quindi continuato Sir Bradley – Sky schiaccia tutti, arrivano alle gare con strutture enormi, e non so se questo migliori la performance o meno. In ogni caso, così diventa difficile rivaleggiarli e per questo c’è bisogno di fare qualcosa per rendere la competizione un po’ più equilibrata”.
Tuttavia, nonostante questo il britannico ha apertamente sconsigliato la scelta del Team Sky ai suoi ragazzi ed in particolar modo al talento neo arrivato Tom Pidcock, al quale ha detto:“Non andare al team Sky, evitali. Vai da qualche altra parte ma non lì, altrimenti ti rovineranno”.

Infine, entrando in merito alla vicenda di doping che lo coinvolse per il misterioso pacco ricevuto al Delfinato, Wiggins ha anche ammesso che “ho intenzione di dire la mia molto presto”.

Wiggins, Le Col firma le nuove divise del team

Ovviamente, al di là del fuori programma raccontato, il britannico è anche intervenuto per presentare le nuove divise del Team Wiggins da quest’anno firmate Le Col, che va così a sostituire Rapha dopo tre anni di sponsorizzazione:“Sono felice che il Team Wiggins possa lavorare con Le Col”, ha detto il Baronetto. “Conosco Yanto (Baker, fondatore del marchio ed ex ciclista, ndr) da molto tempo e so quanta attenzione ha posto per creare il miglior prodotto sul mercato. Essendo un ex professionista so quanto ci tenga lui stesso, e per questo motivo tutti noi riteniamo che Le Col sia il marchio perfetto per la squadra.
Il design della divisa di questa stagione è il mio preferito fino ad ora, perché è particolare ed elegante, e non vedo l’ora di vederlo indosso ai ragazzi in corsa”, ha quindi concluso il britannico.

  •   
  •  
  •  
  •