Milano-Sanremo, la strategia di Vincenzo Nibali

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Domani, sabato 17 marzo andrà in scena la classica Milano-Sanremo con un percorso di 291 km. Tra i partecipanti ci sarà anche lo Squalo dello Stretto, Vincenzo Nibali che in questa corsa potrebbe rivelarsi una grossa sorpresa. Il corridore ha espresso le sue sensazioni, soffermandosi soprattutto sui punti chiave della corsa e su quale potrebbe essere la sua strategia da adottare durante la competizione.
Come riportato da Sportfair, in riferimento alla strategia per cercare di conquistare la Milano-Sanremo Nibali ha sostenuto: “Bisognerà fare attenzione anche alle fughe da lontano. Non gli si potrà concedere eccessivo spazio perché poi inseguire potrebbe diventare dura. Però non spetta certamente a noi controllare le fughe perché, per un arrivo allo sprint, sulla carta siamo forse la squadra meno dotata. Sagan sta benissimo. Alla Tirreno-Adriatico l’abbiamo visto sempre lucido e, in qualsiasi condizione, era sempre lì. Peter può aspettare la volata o attaccare primo, lo abbiamo già visto. È imprevedibile”.

Nibali, i punti chiave della Milano-Sanremo

Vincenzo Nibali ha spiegato anche quali sono i punti chiave di questa manifestazione ciclistica: “La Sanremo è sempre una gara molto difficile da interpretare e da vincere. Negli ultimi anni il percorso è tornato quello classico, cioè con Cipressa e Poggio che restano i punti chiave. C’è Colbrelli che comunque ha in mente di fare molto bene. Io sarò libero di interpretare la corsa. Potrei aiutare lui, se davvero sta molto bene, a tentare qualcosa in volata. Però, se si muove qualcuno, potrei essere lì presente. Un’azione personale invece la vedo molto difficile perchè sarà una gara molto veloce”.
Non resta quindi che attendere la partenza di domani, delle ore 10.10, per vedere se Vincenzo Nibali riuscirà a conquistare la vittoria della classicissima. Ricordiamo che Nibali sta perfezionando la sua condizione fisica in vista delle prossime classiche e del Tour de France.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore