Ciclismo, il Team Bahrain prepara il colpo del mercato

Pubblicato il autore: Alessandro Cheti Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

E’ il Team Bahrain Merida di Vincenzo Nibali la squadra protagonista delle trattative più calde del ciclomercato. La formazione mediorientale sta definendo alcuni colpi per rinforzare il suo organico in vista della stagione 2019 ed essere competitiva ai massimi livelli non sono nei grandi giri ma anche nelle classiche del nord. Il Team Bahrain è vicino a concludere gli ingaggi del velocista Phil Bauhaus e dello specialista delle cronometro Rohan Dennis, vincitore a Rovereto all’ultimo Giro d’Italia.

Il grande colpo che la squadra diretta da Brent Copeland sta cercando di mettere a segno è però Wout Van Aert. Il campionissimo del ciclocross è determinato a dare il salto al ciclismo su strada in una squadra World Tour dopo le splendide prove della scorsa primavera come il podio ottenuto alla Strade Bianche. Il Team Bahrain Merida sta cercando un big per essere grande protagonista anche nella campagna del pavè e dopo un contatto con Greg Van Avermaet, che sembra ormai andato a vuoto, si è gettata con determinazione sul fenomeno del ciclocross.

Leggi anche:  Johan Bruyneel tuona: "Il ciclismo è pieno di ipocriti. Lance Armstrong era meno dopato di gente come Basso e Ullrich"

Il Team manager Brent Copeland ha confermato il suo interesse per Van Aert in una dichiarazione rilasciata a Cyclingnews. “Gli abbiamo fatto una proposta ufficiale. Lui ha un contratto fino al 2019 e questo rende le cose più complicate da un punto di vista amministrativo con la stagione del ciclocross. Non sappiamo se il trasferimento si farà in questa stagione, ma stiamo lavorando perchè possa arrivare nella nostra squadra, io ho fiducia” ha spiegato il manager sudafricano.
Il Team Bahrain cercherà dunque di fare subito il colpo Van Aert, ma terrà la porta aperta anche per il 2020 se la sua attuale squadra, la Veranda’s Willems Crelan, si opporrà al trasferimento. La formazione belga sembra in grado di attirare un nuovo ed importante sponsor come Carrefour grazie alla presenza dell’iridato di ciclocross. “Lui vuole andare in una squadra World Tour, anche se la sua squadra può offrirgli più soldi. Vuole essere un corridore World Tour in futuro, se non sarà ora si potrà fare per il 2020” ha spiegato Copeland.

Leggi anche:  Ciclomercato 2022, Ineos Grenadiers vuole Nibali? L'indiscrezione

Wout Van Aert ha mostrato doti da fenomeno sia nel ciclocross che nelle più rare apparizioni nel ciclismo su strada, dove i suoi limiti sono ancora tutti da tracciare. Nel ciclocross ha già conquistato tre titoli mondiali nonostante gli appena 23 anni di età. Dal 2016 ha iniziato ad impegnarsi con una certa frequenza anche su strada, dove si è subito messo in evidenza con prestazioni eccezionali. A 21 anni battè Tony Martin in una cronometro del Giro del Belgio. Nella passata stagione ha conquistato la Volta Limburg e il Gp Cerami. In questa primavera, dopo aver firmato la tripletta iridata nel ciclocross, ha strabiliato tutti con il terzo posto in un’epica edizione della Strade Bianche, ed è stato nono al Giro delle Fiandre e tredicesimo alla Parigi Roubaix nelle prime presenze della sua carriera in classiche monumento. L’obiettivo a lungo termine di Van Aert sembra quello di spostarsi sempre più sul ciclismo su strada per diventare un campione da classiche, anche se nel futuro immediato ci sarà ancora un doppio impegno tra ciclocross e strada.

  •   
  •  
  •  
  •