Ciclismo: Porte e Van Avermaet verso l’addio al Team BMC

Pubblicato il autore: Alessandro Cheti Segui
SAMA'IL, OMAN - FEBRUARY 18: Greg van Avermaet of Belgium and the BMC Racing Team awaits the start of stage five of the 8th Tour of Oman, a 152.5km stage from Sama'il to Jabal Al Akhdhar (Green Mountain) on February 18, 2017 in Jabal Al Akhdhar, Oman. (Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

Graet Van Avermaet – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Il Team BMC sta vivendo un momento particolarmente critico. Mentre Richie Porte e compagni si stanno preparando al Tour de France, si gioca anche una corsa molto importante per il loro futuro. La squadra rossonera è tutt’altro che sicura di poter continuare la sua avventura ad altissimi livelli nel mondo del ciclismo, soprattutto dopo la scomparsa di Andy Rihs, il proprietario dell’azienda costruttrice BMC che ha sostenuto il team con finanziamenti multimilionari e grande entusiasmo. Il management della squadra sta cercando nuovi sponsor per proseguire l’attività, mentre l’azienda BMC sembra destinata a continuare come partner tecnico di un’altra formazione.
Jim Ochowicz, manager della formazione rossonera, sembra però in grande difficoltà nel mettere insieme il budget necessario ad una squadra di altissimo livello come è stato il Team BMC nelle passate stagioni. Si parla di cifre intorno ai 25 milioni di euro, quelli che Rihs destinava annualmente alla squadra. Con questa situazione di incertezza i big come Richie Porte e Greg Van Avermaet sono ormai sul mercato e le richieste per loro non sono mancate.

Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore

Richie Porte è vicino a raggiungere un accordo triennale con la Trek Segafredo, che dopo l’addio di Alberto Contador sta vivendo una stagione un po’ anonima ed è quindi alla ricerca di un nuovo leader. Porte sarebbe l’uomo ideale per tornare a dare l’assalto alle corse a tappe di una settimana e ai grandi giri con obiettivi di alto livello.

Più fluida è la situazione di Greg Van Avermaet. Il campione olimpico aveva avuto un approccio con il Team Bahrain Merida, che ora si è però orientato decisamente sull’iridato del ciclocross Wout Van Aert per trovare un leader da grandi classiche. Van Avermaet potrebbe pedalare ancora sulle biciclette BMC nella nuova avventura che l’azienda costruita da Rihs intraprenderà con un’altra squadra. Questa formazione potrebbe essere la Dimension Data, che ha rotto la partnership con Cervelo, il marchio che dal prossimo anno equipaggerà invece il Team Sunweb di Tom Dumoulin. Quindi la Dimension Data con biciclette BMC potrebbe avere in Van Avermaet il suo uomo faro, mentre quello che è l’attuale Team BMC potrebbe continuare con nuovi sponsor, nuovo nome e un budget molto ridimensionato. La situazione è però ancora in divenire, anche perchè Van Avermaet ha un ingaggio molto alto, di almeno 2 milioni di euro, e vorrebbe altri corridori e membri dello staff da portare con sè, richiedendo così un esborso molto impegnativo per la Dimension Data.

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

Altri corridori che sono vicini a lasciare il Team BMC al termine della stagione sono Rohan Dennis e Tejay Van Garderen. Sull’australiano c’è il Team Bahrain Merida, particolarmente attivo in questa fase del ciclomercato, e desideroso di accrescere il suo livello qualitativo su tutti i terreni. Van Garderen potrebbe invece accasarsi alla Education First, dove avrebbe un po’ più di spazio personale rispetto a quello che sta trovando alla BMC. L’americano è stato infatti selezionato per il Tour de France, ma avrà un ruolo secondario, da gregario per il leader designato Richie Porte, così come in gran parte delle altre corse a cui ha partecipato quest’anno.

  •   
  •  
  •  
  •