Tour de France, una Quickstep a più punte

Pubblicato il autore: Alessandro Cheti Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNew

E’ una Quickstep Floors ricchissima di talento ed esuberanza quella che si presenterà al via del Tour de France il prossimo 7 luglio. Lo squadrone belga conta di rimpinguare ancora il conto delle vittorie stagionali che è già arrivato a quota 43, dividendo gli obiettivi su più fronti sulle strade della Grande Boucle. Se una buona parte delle attese per i successi di tappa sono riposte sul velocista Fernando Gaviria, non si devono dimenticare le opzioni di Bob Jungels per la classifica generale, e le ambizioni di Julian Alaphilippe, Philippe Gilbert e Niki Terpstra per le tappe miste.

Gaviria sarà al debutto assoluto al Tour de France, ma questo non sembra poter rappresentare un problema per un corridore dal talento purissimo e dalla determinazione feroce come il colombiano. Dopo le quattro vittorie segnate al Giro d’Italia dello scorso anno Gaviria sembra pronto a porsi come il punto di riferimento degli sprint anche al Tour, grazie anche ad una squadra di qualità ed esperienza pronta a guidarlo nei finali più concitati ed in cui l’argentino Max Richeze sarà l’ultimo uomo.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

“Non è un segreto che puntiamo a vincere con Fernando” ha spiegato il ds Tom Steels. “Ha stupito il mondo del ciclismo l’anno scorso vincendo quattro tappe e la maglia ciclamino al Giro d’Italia, ma il livello del Tour de France è diverso con la presenza dei velocisti e gregari migliori del mondo” ha aggiunto il ds della Quickstep.

Lo squadrone belga punterà forte sulle volate di Gaviria, ma avrà tante altre carte da giocare. Molto atteso è Julian Alaphilippe, al ritorno al Tour dopo due anni e grande protagonista della primavera di classiche. Con la sua esuberanza il francese andrà a caccia di tappe sui percorsi misti, con le fughe o con una delle sue stoccate da finisseur. “Julian ha saltato il Tour l’anno scorso per un infortunio. E’ uno dei corridori più versatili del gruppo, possiamo aspettarci un po’ di tutto da lui” ha spiegato Steels. Anche Philippe Gilbert e il vincitore del Fiandre Niki Terpstra avranno delle occasioni per poter centrare una tappa, a partire da quella del pavè che rappresenta un’occasione particolarmente interessante per una squadra come la Quickstep che vive come una religione la campagna delle pietre.

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, la Sicilia conferma le sue tappe

Se le vittorie di tappa rappresentano il cuore delle strategie della Quickstep Floors in questo Tour de France, non bisogna però sottovalutare il potenziale di Bob Jungels in ottica classifica generale. Il corridore lussemburghese ha corso solo una volta il Tour, quando aveva appena 22 anni, e dopo le solide top ten ottenute negli anni scorsi al Giro d’Italia avrà l’occasione di misurarsi con la classifica della corsa più grande del mondo. Jungels non partirà certamente tra i favoriti, e verosimilmente dovrà gestirsi in montagna senza un grande aiuto da parte della squadra. La sua corsa sarà soprattutto un test per capire il suo potenziale al Tour: “Il suo obiettivo è di vedere fino a che punto può arrivare in classifica. Si è ripreso bene dalla prima parte della stagione ed è pronto per la sfida” ha dichiarato Steels.
A completare la Quickstep Floors per il Tour de France 2018 ci saranno Tim Declerq, un gregario che vedremo a lungo in testa al gruppo nelle tappe da volata, e Yves Lampaert, altro uomo squadra che potrà disimpegnarsi in più frangenti.

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, le indiscrezioni sul percorso

Ecco gli otto corridori della Quickstep Floors al Tour de France 2018: Niki Terpstra, Yves Lampaert, Philippe Gilbert, Fernando Gaviria, Bob Jungels, Julian Alaphilippe, Max Richeze, Tim Declerq.

  •   
  •  
  •  
  •