Giro di Vallonia tappa 4: Quinten Hermans vince a Herstal e conquista la maglia gialla

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Quinten Hermans ha vinto la tappa 4 del Giro di Vallonia, la Malmedy-Herstal. Il belga della Telenet Fidea Lions, al termine dei 161,4 km di corsa, si è imposto in una volata di gruppo, precedendo Lorrenzo Manzin della Vital Concept e Romain Cardis della Direct Energie.
In virtù degli abbuoni, Hermans è anche la nuova maglia gialla della corsa belga.

La tappa è stata caratterizzata dalla fuga di 8 uomini: Kenneth Vanbilsen della Cofidis, Simon Sellier della Direct Energie, Etienne Van Empel e Sjoerd Van Ginneken della Roompot, Dries De Bondt della Veranda’s Willem, Arnaud Courteille della Vital Concept, Alex Kirsch della Aqua Protect e Lars Van Der Haar della Telenet Fidea.
A 45 km dalla conclusione, dopo alcuni tentativi di creare dei ventagli non andati a buon fine, fuoriescono dal gruppo 4 corridori: Baptiste Planckaert della Katusha, Kevin Van Melsen della Wanty-Groupe Gobert, Lukas Spengler dell’Aqua Protect e Tom Wirgten dell’Aqua Service. Il quartetto, dopo un inseguimento durato una decina di km, riesce a rientrare sul gruppetto di testa, portando quindi a 12 il numero degli elementi componenti la fuga, con un vantaggio di 1’30” sul plotone della maglia gialla. A 31 km dall’arrivo, al primo passaggio sulla Cote de Vivegnis, Van Empel stacca i compagni di avventura e prova ad allungare, mentre dal gruppo scattano Remi Cavagna della Quick-Step Floors e Nicolas Cleppe della Telenet Fidea, i quali riescono a rientrare sui contrattaccanti a 23 km dal traguardo, che nel frattempo erano riusciti a riprendere l’olandese della Roompot.
Ormai però nel gruppo di testa l’accordo è saltato e si assiste subito a un nuovo tentativo di allungo da parte di Spengler, stoppato subito dai rivali. Ci provano quindi Kirsch, Van Ginneken e Virgten, che si presentano in testa all’attacco della dura rampa della Cote de Vieille Voie (900 metri con una pendenza media del 12,5%), dove il gruppo maglia gialla riprende tutti gli attaccanti. In cima alla salita, prova ad allungare Quentin Pacher della Vital Concept, ma anche questo tentativo ha breve durata, dal momento che il francese occupa il 3° posto in classifica generale.
Si arriva quindi al secondo passaggio sulla Cote de Vivegnis, a 6 km dal traguardo, dove prova l’allungo James Knox della Quick-Step Floors, ripreso in prima persona dalla maglia gialla Wellens, che deve difendersi dagli attacchi dei corridori della formazione belga. Della bagarre per la classifica generale, prova ad approfittare Michel Kreder della Aqua Blue Sport, che tenta l’allungo a 5 km dalla conclusione, ripreso poi da Odd Christian Eiking, vincitore della tappa di ieri, lungo l’ultima asperità di giornata, il secondo passaggio sulla Cote de l’Abbaye.
Anche questo tentativo viene però annullato in vista dello striscione dell’ultimo chilometro e a quel punto è inevitabile la conclusione allo sprint, dove è Hermans a imporsi.

Domani la tappa 5, l’ultima di questa edizione del Giro di Vallonia, porterà il gruppo da Huy a Waremme. Una frazione di 187,5 km con un percorso non troppo impegnativo, con sole 4 cotes ben distanti l’una dall’altra. L’ideale per un finale riservato ai velocisti, dove Hermans potrebbe andare a cogliere un trionfo insperato alla vigilia della corsa belga.

  •   
  •  
  •  
  •