Ciclismo, Davide Cassani: il ct azzurro commenta il calendario 2020

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

 .

Il ct azzurro Davide Cassani in un’intervista al canale Eurosport ha commentato il calendario ciclistico 2020, mostrandosi abbastanza positivo con l’unico dell tre corse “Monumento” (Liegi, Fiandre e Roubaix) che potrebbero fare un po da intralcio per il Giro d’Italia (3-25 ottobre); pensieri anche sul possibile spostamento di sede del Mondiale.

Davide Cassani, le sue parole

CALENDARIO 2020: “Normale che stringere un calendario di 8-9 mesi in 95 giorni non è una cosa semplice, quindi ci saranno delle concomitanze e questo può penalizzare una corsa piuttosto che un’altra. L’importante comunque è ripartire. Il Tour è la corsa più importante, non possiamo scordarcelo, ed è normale che si siano scelti loro la data prima degli altri. Per quanto riguarda il Giro, dispiace che ci sia concomitanza con la Vuelta, ma quella ci può anche stare. Dispiace un po’ di più che durante il Giro ci siano 3 Monumento come Liegi, Fiandre e Roubaix. Delle tre, la corsa che mi auguro possa cambiare è la Liegi, perché è l’unica corsa che potrebbe essere appetibile anche per un corridore da corse a tappe“.

Leggi anche:  Campionati Italiani, vince Colbrelli. Bene Nibali. Si ritira Fabio Aru. Le dichiarazioni

MONDIALI 2020: “La Svizzera per il momento non ha dato garanzia, quindi non ci sono certezze. Come piano B risulta anche a me che possa esserci l’Oman, anche perché il Giro dell’Oman è stato rinviato per lutto. Ora da ct mi trovo in una situazione difficile, perché non so quando ci saranno i mondiali e non so il percorso di un possibile mondiale da un’altra parte. Adesso abbiamo una sola certezza, che nulla è sicuro. Nei mesi di agosto e settembre ci sono tantissime corse in Italia, questo potrebbe essere un grosso vantaggio, perché una squadra potrebbe venire in Italia e fare 10 giorni di gare in agosto e anche in settembre. Comunque abbiamo un bel calendario. Se dovesse rimanere il mondiale a Martigny, questo potrebbe essere un avvicinamento ideale, perché il Tour potrebbe essere troppo impegnativo. Poi al Tour vanno 180 corridori, tutti gli altri devono correre e potrebbero venire in Italia”.

 

  •   
  •  
  •  
  •