Comunicato FIFA: cambiano le scadenze dei contratti e le date del calciomercato

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

La FIFA con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale conferma le notizie che circolavano ormai già da alcune settimane: a causa dello stop del calcio, causato dell’emergenza Coronavirus, le date dei contratti dei giocatori in scadenza saranno prolungate e anche il calciomercato, ovviamente, cambierà date. Nel comunicato vengono tracciate delle linee guida riferite ai contratti, al sistema di trasferimenti e si chiede, anche, alle società di collaborare con i propri dipendenti per quanto riguarda la situazione stipendi.
Leggiamo le parti più interessanti.

Comunicato FIFA: contratti

“I contratti dei giocatori in scadenza terminano di solito al termine della stagione, con una data di conclusione che coincide con la fine della stagione. Con l’attuale sospensione del gioco nella maggior parte dei paesi, è ora ovvio che la stagione non finirà quando la gente pensava che sarebbe successo. Pertanto, si propone di prorogare i contratti fin quando la stagione non termina effettivamente. Questo dovrebbe essere in linea con l’intenzione originale delle parti al momento della firma del contratto e dovrebbe anche preservare l’integrità e la stabilità sportiva.
Un principio analogo si applica ai contratti che devono iniziare quando comincerà la nuova stagione, il che significa che l’entrata in vigore di tali contratti è ritardata fino a quando effettivamente inizia la stagione successiva.”

Comunicato FIFA: finestra calciomercato

“Per quanto riguarda le finestre di calciomercato, è necessario, di nuovo, adeguare la normativa originale alle nuove circostanze. Di conseguenza, la FIFA sarà flessibile e consentirà di spostare le finestre di calciomercato in modo che cadano tra la fine della vecchia stagione e l’inizio della nuova stagione.
Allo stesso tempo, la FIFA cercherà di garantire, ove possibile, un livello generale di coordinamento e terrà anche conto della necessità di proteggere la regolarità, l’integrità e il corretto funzionamento delle competizioni, in modo che i risultati sportivi di qualsiasi competizione non siano ingiustamente perturbati.”

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: