MotoGP, Yamaha a Lorenzo: “Resta e vinci più titoli”

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

motogp-qatar-gp-2016-race-winner-jorge-lorenzo-yamaha-factory-racingIl team manager di Jorge Lorenzo, Wilco Zeelenberg spera che la competitività mostrata da Yamaha l’anno scorso, possa far cambiare idea a Jorge Lorenzo sul possibile passaggio in Ducati.
Il maiorchino ha iniziato nel migliore dei modi la sua nona stagione in MotoGP con una vittoria ottenuta dopo la pole position. Il campione del mondo ha saputo adattarsi subito alle nuove gomme Michelin e al software ECU. Tuttavia, il primo a rinnovare il contratto con la casa giapponese non è stato Lorenzo ma Valentino Rossi che ha anticipato la firma nonostante avesse dichiarato le sue intenzioni di decidere dopo sei gare per avere le idee più chiare sulla sua competitività.
Jorge è ancora indeciso sul da farsi, Ducati è una squadra in grado di offrire una moto veloce, e un contratto da far girare la testa. Ma Lorenzo tempo fa in un’ intervista aveva svelato le sue intenzioni di vincere più titoli di Rossi in Yamaha.
“Sarà unicamente sua la decisione” ha dichiarato Zeelenberg ai microfoni di Crash.net, “E’ vero che Jorge in Yamaha ha un pacchetto forte ma posso immaginare che tutti i top riders ad un certo punto vogliono qualcos’ altro. E’ stato in Yamaha per otto anni e c’è la possibilità che possa lasciare. Ma spero che sia intelligente per restare con la Yamaha e vincere altri due titoli, forse tre“.

Tornando alla gara del Qatar, ancora una volta Jorge ha vinto arrivando al traguardo in solitaria, ma è stata una gara difficile anche per via dell’ incognita dei pneumatici nuovi.

La gara è stata tosta. Mi aspettavo Vinales nella lotta ma è stato bello vedere un gruppo combattere. E’ vero, non hanno lottato come in Moto2 o Moto3 perchè le moto sono più pesanti, ogni decimo costa e lo si può vedere quando i piloti guidano al limite. Quando Andrea era davanti, era veloce ma il passo diminuiva di due o tre decimi. Questo è il punto difficile, mantenere il 55.4/5. Il resto riusciva a seguirlo ma Jorge è riuscito a fare un passo avanti quando il livello del carburante stava calando. Questo è il suo carattere”.

  •   
  •  
  •  
  •