Francesca Piccinini: “Ogni vittoria ha avuto un sapore speciale“

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

francesca piccininiA 39 anni compiuti il 10 gennaio la bellissima Francesca Piccinini, in forza alla Igor Novara quest’anno, sogna ancora in grande e spera di regalare altre gioie al pubblico di Novara come lo scudetto vinto pochi mesi fa (Intervista riportata da novaratoday.it):

“Ogni vittoria, ottenuta con il club o con la nazionale, ha avuto un sapore speciale ed è stata a suo modo unica e se il Mondiale vinto a Berlino nel 2002 è stato storico, lo stesso posso dire dello Scudetto vinto a Novara pochi mesi fa. La città lo aspettava da 15 anni e io ho scelto questo club proprio per centrare questo obiettivo. Sono orgogliosa ma nonostante l’età non voglio certo fermarmi: ci sono ancora palloni da mettere a terra e trofei da inseguire”.

Parla anche dello scambia generazionale e della passione che si può provare nell’addestrare le più promettenti giovani della nazionale italiana, come per l’appunto Paola Egonu, in forza al Novara:

“Mi piace confrontarmi con loro, mi piace pensare di essere un punto di riferimento che le aiuti a crescere e migliorare, proprio come a suo tempo è capitato a me con le mie compagne più esperte. Di contro, credo anche che da questo confronto possa riuscire anche io stessa a migliorare e crescere”.

Infine come ha festeggiato il compleanno la campionessa toscana lontana da casa?

“Ormai ci sono abituata, dopo tanti anni non è più strano. In un certo senso lo festeggio con quella che è la mia “famiglia” nel corso della stagione, della quotidianità, ovvero la mia squadra, la mia società. Essere un’atleta professionista vuol dire fare sacrifici, lo sapevo quando ho scelto questa vita e lo ricordo ogni giorno, quando scelgo di continuare. Il futuro è una famiglia, è la maternità. In attesa che arrivi il momento, però, continuo a scegliere la pallavolo. Mi diverto ancora come il primo giorno, questo è il mio unico segreto”.

 
  •   
  •  
  •  
  •