Rugby, giocatori del Bath ubriachi a rischio sospensione

Pubblicato il autore: Simone Del Latte

Bath

Alcuni giocatori del Bath Rugby sono stati visti correre nudi e in stato di ebbrezza intorno al terreno del Recreation Ground (Rec), il complesso sportivo di North Parade Road. La notizia è apparsa oggi sul quotidiano online Bathchronicle e riferisce anche di grida di scherno aventi come bersaglio l’apertura George Ford, mentre teneva una seduta di allenamento sul gioco al piede ad alcuni ragazzi. L’episodio è avvenuto la sera dello scorso martedì 25 aprile, al termine di una sessione di allenamento e di analisi della precedente partita disputata contro lo Stade Francais, domenica 23 aprile, sedute entrambe svoltesi al Recreation Ground, invece che al consueto centro sportivo di Farleigh House.

Al termine della riunione ai giocatori è stato consentito di consumare pizza e di bere birra all’interno di una delle suite del complesso in cui erano ospitati, purché con moderazione, in quanto il giorno seguente era stata programmata un’altra sessione di allenamento. Non tutti i giocatori hanno bevuto alcolici, ma alcuni di loro pare che abbiano alzato troppo il gomito. Quest’ultimi, infatti, avrebbero scorrazzato nudi per il campo, preso possesso di un estintore e sollevato epiteti poco lusinghieri nei confronti di George Ford, impegnato quella sera stessa assieme a Rhys Priestland ad impartire kicking skills a dei giovani rugbisti.

Le dichiarazioni del Bath Rugby:

I giocatori coinvolti, il cui numero non è certo (si pensa 10 o 11), saranno oggetto di una sanzione che verrà presa e comunicata lunedì venturo. Nel frattempo, la società sta discutendo sull’entità della pena, la quale potrebbe oscillare dal pagamento di una multa fino ad una sospensione nei casi più gravi. Il Bath Rugby ha dichiarato in un comunicato stampa apparso oggi sul suo sito internet che la società “sta attualmente esaminando gli eventi avvenuti al Recreation Ground la scorsa settimana, i quali coinvolgono un piccolo gruppo di giocatori del club. Il mantenimento di una condotta appropriata da parte di tutti i giocatori e dei membri dello staff è un principio molto importante e nei prossimi giorni saranno tenute audizioni disciplinari con i responsabili dell’accaduto. La questione sarà risolta adeguatamente al termine del processo.”

  •   
  •  
  •  
  •