Calciomercato Juventus, si lavora al rinnovo di Alex Sandro. Il sogno Marcelo è quasi svanito

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Il mercato della Juventus in entrata è praticamente concluso. A meno di clamorose sorprese Marcelo non arriverà e a blindare la fascia sinistra ci sarà ancora Alex Sandro, visto e considerato che l’ex Porto potrebbe addirittura rinnovare il suo contratto. Il suo futuro ad inizio mercato sembrava segnato e i tifosi bianconeri si erano rassegnati all’idea di perderlo, in quanto il Psg sembrava molto vicino al calciatore. Ci ha pensato Cristiano Ronaldo a bloccare la partenza del terzino brasiliano. Si, proprio Cr7, visto che il suo arrivo a Torino ha convinto il forte mancino a rimanere ancora in bianconero.

Dunque, per un Alex Sandro che rimane c’è un Marcelo destinato a sfumare. La Juventus non può più permettersi cifre folli sul mercato e anche Cristiano Ronaldo dovrà rassegnarsi al mancato arrivo dell’ex compagno di squadra. Marcelo obiettivamente è nettamente superiore ad Alex Sandro, anche se l’ex Porto è ormai diventato un pilastro della Juventus e togliendo l’ultima stagione ha sempre giocato ad altissimi livelli. Allegri non si fascia di certo la testa per il mancato arrivo del calciatore dei blancos e può ritenersi soddisfatto. Alex Sandro e Spinazzola danno ampie garanzie sulla sinistra, anche se l’ex atalantino è fermo ai box e ci vorranno almeno due mesi prima di vederlo all’opera con la nuova maglia.

potrebbe interessarti anchePogba Juventus, il francese spegne i sogni bianconeri: “Il Manchester United è casa mia”

Il mosaico bianconero è ormai completo e Marotta si è concentrato totalmente sul mercato in uscita. Da sistemare due calciatori in esubero nella rosa di Allegri, vale a dire Kean e Sturaro. La giovane punta ha molte richieste dall’estero e sta valutando insieme alla società le diverse opzioni, anche se nelle ultime ore si è inserita l’Udinese nella corsa alla punta classe 2000. I friulani tenteranno un’operazione alla Mandragora e i bianconeri di Torino puntano ad avere il diritto di recompra, in quanto non hanno alcuna intenzione di perdere definitivamente un calciatore di grandissima prospettiva come Kean.

Sturaro invece è sempre nel mirino della Fiorentina, anche se non bisogna sottovalutare l’interesse del Genoa, un club in cui il centrocampista azzurro ha già giocato in passato. Nelle scorse ore è definitivamente tramontata la trattativa con il Watford e Marotta ha declinato la richiesta di prestito degli inglesi. Chi vuole l’ex Genoa deve sborsare denaro cash, oppure proporre un prestito con diritto di riscatto. Le condizioni della Juventus sono queste e se non verranno assecondate non se ne farà nulla. Sturaro è chiuso dalla tanta concorrenza a centrocampo e la sua eventuale permanenza sarebbe un controsenso, sia per i bianconeri che per la crescita del calciatore.

potrebbe interessarti ancheNapoli, calendario in discesa per allontanare l’Inter e mettere fiato sul collo alla Juventus

Intanto, prosegue la preparazione della Juventus in vista della prima gara di campionato del 18 agosto, una gara che vedrà i bianconeri opposti al Chievo. L’esordio in campionato vedrà con molta probabilità la prima da titolare per Cristiano Ronaldo, con conseguente debutto con la nuova maglia, un’attesa spasmodica che sta contagiando i tifosi bianconeri. Il fenomeno portoghese si sta allenando bene e appare già in buona forma, tanto che, anche in allenamento sta già dando filo da torcere ai difensori della “Vecchia Signora”. Le rivali sono avvisate e anche se dovesse arrivare Modric all’Inter, la Juventus sarebbe ancora in netto vantaggio. Lo zoccolo duro è stato costruito negli anni e Chiellini e company non hanno alcuna intenzione di abdicare, d’altronde, la storia della Juventus è fatta quasi per intero di successi.

notizie sul temabeppe-marotta-juventus-calciomercatoMarotta all’Inter è (quasi) fatta, lo conferma l’ex d.g. della JuventusJuventus padrona di San Siro, Cristiano Ronaldo spegne il MilanSconcerti amaro: “La Juventus gioca senza avversarie da sette anni. Una differenza plateale e inaccettabile”
  •   
  •  
  •  
  •