Formula 1, Ferrari. Mattia Binotto: “La nuova monoposto sarà presentata l’11 febbraio”.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui


Formula 1, Ferrari
. Ieri, a Maranello, si è tenuta la tradizionale cena di Natale della Ferrari, aperta alla stampa italiana. La consueta ricorrenza ha permesso a tutti di ritrovarsi, farsi gli auguri e parlare del passato appena trascorso e dell’imminente futuro. Infatti, come accade sempre, anche quest’anno, in occasione della cena, il team principal della Ferrari ha fatto un ragguaglio della stagione appena conclusa e ha poi dato delle anticipazioni sulla prossima.

Formula 1, Ferrari. Mattia Binotto: “La nuova Ferrari verrà svelata il prossimo 11 febbraio”.

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, Mattia Binotto ha dichiarato che la nuova monoposto sarà svelata molto presto, con ogni probabilità prima rispetto alle vetture degli altri team:
Presenteremo la macchina molto presto rispetto agli altri team, forse saremo i primi, l’11 febbraio. Così presto perché  vogliamo anche in ottica affidabilità, intensificare le prove di omologazione a banco. Sarà uno sviluppo della vettura attuale, lo prevede la stabilità del regolamento. Si baserà su quello che abbiamo imparato quest’anno, quindi è una macchina che nascerà con molto più carico aerodinamico rispetto a quella di oggi, ma di conseguenza anche con molta più resistenza all’avanzamento, che è scontato. Non ci aspettiamo l’anno prossimo di avere la vettura più veloce sui rettilinei, come concetto, quindi non dico che copieremo gli altri, ma ci adatteremo a quello che ormai abbiamo visto essere il comportamento delle gomme, che rimarranno le stesse l’anno prossimo, regolandoci di conseguenza nella progettazione della macchina. Dobbiamo cercare di far lavorare le gomme, abbiamo bisogno di più carico, non tanto per la qualifica, perché siamo stati spesso veloci in qualifica, ma più che altro per il passo gara, dove con più carico si può gestire meglio il degrado delle gomme. È una macchina sulla quale stiamo puntando ad aumentare il più possibile il carico verticale a discapito della resistenza all’avanzamento.”

Binotto ha aggiunto che il filming day sarà il 18 febbraio e che la Ferrari del 2020 sarà, ancora una volta, di color rosso opaco. Una scelta che stata dettata da una questione di peso, proprio come era avvenuto lo scorso anno.

potrebbe interessarti ancheF1 2020: Le date di presentazione delle nuove monoposto.

Formula 1, Ferrari. Binotto: “È importante la stabilità della squadra”.

Ai microfoni Sky. il team principal della Ferrari ha poi parlato di “buoni propositi” per la nuova stagione,
Nel 2020, da parte nostra ci sarà l’obbligo di continuare a migliorare. Con il presidente e l’amministratore delegato stiamo investendo sul nostro futuro a medio e lungo termine. È importante la stabilità della squadra, a volte serve avere pazienza. Se si guarda al passo, chi ha avuto cicli vincenti li ha costruiti in vari anni, ma credo che come Ferrari abbiamo l’obbligo di guardare alla vittoria come nostro obiettivo. Se c’è una cosa che posso promettere intanto è l’impegno e magari di regalare più gioie come quelle di Monza.

potrebbe interessarti ancheFerrari 2020, basi ottime per un buon lavoro: dal rapporto tra i piloti alla nuova macchina


Formula 1, Ferrari. Rapporto Vettel e Leclerc secondo Binotto.

Poi, è stata la volta del tema dibattutissimo del rapporto tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc. Mattia Binotto ha sottolineato come tra i due piloti ci sia una sana collaborazione a dispetto dell’impressione che se ne ha all’esterno. Inoltre, ha affermato che, a differenza dello scorso anno, nel 2020 lo status di “prima guida” non sarà stabilito a priori.

“Ci conosciamo un po’ di più ora l’uno con l’altro. Io rispetto a Seb con il mio nuovo ruolo e anche con Charles. Leclerc ha un anno di esperienza con noi, ha dimostrato di essere molto veloce, ha fatto bene e si è integrato nella squadra anche come leader. Il rapporto tra loro è maturato e internamente è molto diverso da quello che si può percepire. Lavorano bene insieme, in modo trasparente. Sono utili l’uno all’altro. Ma se all’inizio del 2019 avevamo stabilito un ordine con Vettel prima guida e Leclerc seconda, le cose a un anno di distanza sono cambiate. Sono cambiate già alla fine del Mondiale 2019, al di là di come si è conclusa la stagione. In Brasile si è visto che erano liberi di lottare tra di loro. Credo che iniziare la stagione per entrambi con la stessa ambizione di vincere sia la cosa più giusta.”

notizie sul temaFormula 1, Ferrari. Mattia Binotto: “Nel 2020 la Ferrari dovrà essere veloce e affidabile”Formula 1, Verstappen: “Io in Ferrari con Leclerc? Non succederà mai”F1, Gp Abu Dhabi. Le dichiarazioni dei piloti Ferrari dopo l’ultimo gp dell’anno.
  •   
  •  
  •  
  •