Formula 1 GP Abu Dhabi. Lewis Hamilton vince l’ultimo gp, dominio assoluto Mercedes. Terzo Leclerc.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui


Formula 1 GP Abu Dhabi.
  Ultima gara della stagione ancora nel segno di Lewis Hamilton e della Mercedes. Sul tracciato di Yas Marina non c’è stata storia, la superiorità della Mercedes è stata evidente a tutti. Il pilota inglese ha condotto un gran premio perfetto, è stato velocissimo e  ha lasciato dietro di sé un vuoto fatto di moltissimi secondi di distacco dai suoi avversari. Sorprendenti  i tempi della sua Mercedes con la gomma hard al punto che nessun’altra monoposto è riuscita a fare altrettanto.  Non contento di un dominio pressoché assoluto, Hamilton ha persino strappato il giro veloce sul finale con gomme usate e, quindi, ha voluto rimarcare anche in questo la sua superiorità. Una vera e propria prova di forza su un circuito che, per caratteristiche, si adatta perfettamente alle Frecce d’Argento.  La vittoria di Lewis chiude nel miglior modo possibile un anno d’oro per il team di Toto Wolff che riesce con questo risultato a lanciare anche un messaggio di sfida a tutti gli altri per il prossimo anno. Non solo Lewis, ma anche Valtteri Bottas ha mostrato di aver un super passo. Il suo gp è stato influenzato dalla penalità che lo ha costretto a una furiosa rimonta, ma, vista la sua velocità incredibile, è arrivato persino ad accarezzare il sogno del podio. Alla fine, ha concluso quarto. Secondo Max Verstappen e terzo Charles Leclerc.

potrebbe interessarti ancheFormula 1, Ferrari. Mattia Binotto: “La nuova monoposto sarà presentata l’11 febbraio”.

Formula 1 GP Abu Dhabi. Leclerc a podio ma polemiche per la strategia.

potrebbe interessarti ancheLewis Hamilton e Valentino Rossi pronti allo scambio

La Ferrari lascia Abu Dhabi con un terzo e un quinto posto. La gara delle Rosse è stata influenzata da una strategia che si è poi rivelata sbagliata. Charles Leclerc è partito benissimo e ha subito iniziato a guadagnare su Max Verstappen fino a superarlo nel corso del primo giro. Anche Vettel all’inizio ha provato a sopravanzare l’olandese, ma il pilota Red Bull si è difeso e, poi, con una staccata incredibile ha ripreso la sua posizione. Era chiaro che la Ferrari non aveva la stessa velocità della Mercedes, ma poteva giocarsi con Charles la seconda posizione. Così, il muretto ha deciso proteggere la seconda posizione di Leclerc dalla minaccia di Verstappen. Obiettivo non raggiunto. Al giro 13, il team ha deciso di giocarsi la carta del doppio pit stop. Prima ha fermato Charles e immediatamente dopo Vettel, che ha perso 4 secondi per un problema di fissaggio degli pneumatici ai box. Entrambi sono tornati in pista su gomma hard anche se erano partiti con gomme diverse e quindi con strategie diverse. Charles aveva le gomme medium e non aveva degrado quando è stato fermato, mentre Vettel aveva le soft e necessitava un cambio. Intanto, Max Vertappen ha proseguito con i suoi pneumatici fino al giro 26. Il pit anticipato di Charles lo ha poi portato a confrontarsi con Verstappen al giro 32, quando quest’ultimo poteva contare su gomme decisamente più fresche. Una battaglia impari in cui il monegasco ha provato a resistere all’olandese, ma poi ha dovuto cedere. Poi, giro 40, la squadra ha puntato di nuovo su un doppio pit perché le gomme di entrambi i piloti stavano crollando. In questo caso su Charles sono state montate gomme soft mentre su Sebastian le medium. Gli ultimi giri non sono stati facili perché Charles si è trovato un Bottas sempre più vicino e delle gomme sempre meno performanti. Nonostante tutto, Charles ha concluso in terza posizione e ha potuto portare il team su un podio che vale come incoraggiamento per il prossimo anno. Sebastian ha chiuso in quinta posizione. Al di là della strategia, oggi le SF90 non erano a loro agio sul circuito di Yas Marina, in particolare erano molto lente nel terzo settore. Nelle curve lente e nei settori più guidati le Ferrari hanno fatto fatica e la sensazione è che anche la Red Bull, oggi, aveva un passo diverso, più veloce rispetto alle rosse di Maranello.
Per il prossimo anno la Ferrari avrà molto lavoro da fare per spezzare il dominio della Mercedes e avrà un altro rivale insidioso e fortissimo, la Red Bull, con cui confrontarsi.

notizie sul temaF1, Gp Abu Dhabi. Le dichiarazioni dei piloti Ferrari dopo l’ultimo gp dell’anno.Formula 1, Qualifiche Abu Dhabi. Lewis Hamilton firma la sua quinta pole stagionale.F1, Qualifiche GP Abu Dhabi: ennesima pole position di Lewis Hamilton
  •   
  •  
  •  
  •