Sylla scagionata: l’atleta azzurra vittima di cibo inquinato

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

sylla scagionataIl campionato italiano riabbraccia una Miriam Sylla scagionata dalle accuse di doping che avevano in qualche modo inquinato la sua carriera. La notizia arriva nella giornata di presentazione della seria A1 femminile, che prenderà il via sabato con grande batticuore e speranze per vedere finalmente alcune giocatrici della nazionale in club titolati e non solo come comprimarie in società minori. Lode infatti alle società che hanno avuto il coraggio di metterle titolari nella propria squadra, perché di questo ha bisogno la nostra nazionale per risorgere. La ventiduenne schiacciatrice azzurra era stata trovata positiva al clenbuterolo, un farmaco antiasma che oltre a lenire i postumi della malattia favoriva l’incremento della massa muscolare e la diminuzione di quella grassa. Fortunatamente tutto è bene quello che finisce bene, e anche se purtroppo non si è potuti contare su Sylla durante l’Europeo in Azeirbaijan, dove sarebbe servita molto, la Foppapedretti potrà averla pronta per l’inizio del campionato. A spiegare come non si sia trattato altro che una intossicazione alimentare ci ha pensato il presidente federale Bruno Cattaneo:

“Riteniamo possa trattarsi di un caso di contaminazione”.

Si tratta della stessa sorte toccata alla pallavolista serba Antonijevic, anch’essa fermata in via cautelativa a Nanchino durante il Grand Prix, anche se la sua non presenza non ha pregiudicato la vittoria della sua nazionale. Quella di Miriam per l’Italia può essere considerata invece determinante, come lo è stata anche quella dell’alzatrice titolare Malinov. Fortunatamente tutto il caso è stato risolto in poco tempo per la gioia dei tifosi di pallavolo. Non può che sorridere Bergamo, che dopo l’infortunio della Malinov e la positività di Sylla temeva di perdere due delle proprie pallavoliste migliori, e invece per l’inizio del campionato potrà contare su entrambe. Sorride anche Mazzanti, che sicuramente non vedrà l’ora di poter contare sulle due pallavoliste del Bergamo Volley per riscattare il brutto europeo e gettare le basi per le prossime sfide.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •