Paola Paggi chiude con la salvezza di Bergamo la sua carriera incredibile

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


E’ stata l’ultima partita per Paola Paggi, una delle giocatrici più titolate del volley italiano ,  quella che sabato sera  e’ coincisa  con la salvezza di Bergamo nonostante la sconfitta maturata sul campo di Monza. Carriera lunghissima per lei, ha deciso di salutare il volley all’eta’ di 41 anni . Il desiderio naturalmente era quello di chiudere la carriera con la salvezza della sua Bergamo, squadra con la quale ha vinto tantissimo, l’obbiettivo e’ stato raggiunto in un anno davvero complicato per la FoppaPedretti. E’ sempre un momento delicato quello di uno sportivo che decide di smettere di giocare, le espressioni e le emozioni di chi lascia il campo, qualsiasi sia lo sport, sono sempre cariche di significato. Il segreto di una giocatrice che all’eta’ di 41 anni calca ancora i campi di serie A non può che essere l’amore per ciò che si fa, l’amore per il proprio sport, la passione, la tenacia, la professionalita’, la voglia di porsi sempre nuovi obbiettivi e nuovi traguardi. Il campo in questo e’ benevolo, spesso ti rida’ quanto speso in termini di sforzi e sacrifici. Il palmares di Paola Paggi parla chiaro, due scudetti, tre Coppe Italia, due SuperCoppe, due Champions League, tre Coppa Cev e soprattutto l’oro mondiale con la Nazionale azzurra nel 2002.
Il saluto va a Paola Paggi, una delle protagoniste assolute del volley italiano.

potrebbe interessarti ancheMercato Volley femminile, colpo di mercato della Zanetti Bergamo
potrebbe interessarti ancheVolley femminile, l’elenco delle squadre ammesse ai campionati di A1 e A2

notizie sul temaVolley Mercato, Gabriele Nelli torna alla Trentino VolleyCeleste Plak: “peccato per la Final Six ma abbiamo un mondiale da vincere”Volley Serie A2, i gironi e la formula innovativa della prossima stagione
  •   
  •  
  •  
  •