I risultati di Fabio Fognini

Pubblicato il autore: Alberto Sartorello Segui

Da poco si è conclusa la stagione tennistica, ed è tempo di stilare il resoconto per tutti e fare cernita dei risultati positivi, senza dimenticare i negativi cercando di farne tesoro in modo che non si ripresentino.

potrebbe interessarti ancheAustralian Open 2020, il tabellone degli azzurri: Berrettini-Fognini possibile 4° turno

Ancora una volta Fabio Fognini, che negli anni ci ha deliziato con lampi d’alta classe, non è riuscito a centrare quell’obiettivo che tutti noi sostenitori azzurri ci auspicavamo. Raggiungere quel tanto agognato decimo posto della classifica ATP, è sempre stato scalino tanto vicino quanto insormontabile, ma mai come quest’anno per Fabio.
I risultati non hanno tardato ad arrivare tant’è che il tennista azzurro ha iniziato a trionfare come non mai, arrivando alla bellezza di 8 tornei vinti in carriera diventando in questa maniera il secondo tennista italiano più vincente di sempre dopo Adriano Panatta.

Ma come spesso accade ai tanti colpi unici, Fabio ha alternato prestazioni ben altro che ineccepibili dove la rabbia e il nervosismo l’hanno fatta da padrona. Appare dunque evidente come il campione di Taggia prima che battere il suo avversario debba sconfiggere sé stesso. Le qualità pazzesche del nostro campione si sono viste dalla vittoria a Bastad (Svezia) contro Richard Gasquet a quella di Los Cabos (Messico) contro Juan Martin Del Potro.
Risultati invidiabili per chiunque che lo hanno lanciato vicinissimo a quel sogno: il decimo posto.

potrebbe interessarti ancheTabellone Atp Auckland: Fognini prima testa di serie, al via altri quattro azzurri

A concludere ogni sogno e speranza è stato un infortunio che verso il finale di stagione ha bloccato Fognini, facendogli saltare il match “rivincita” con Del Potro nella semifinale di Shanghai. L’anno di Fabio si riassume come il suo migliore per quanto riguarda i risultati sul campo, e numero di trofei vinti, inoltre è riuscito ad agguantare quel 13° posto che per lui significa best ranking, raggiunto ormai nel lontano 2014.

Quello che tutti ci auspichiamo è che i risultati per il 2019 vengano quantomeno eguagliati, e perché no, superati in modo che tutti possano assistere alla definitiva consacrazione del Fogna.

notizie sul temaFognini-Medvedev: dove vedere finale Diriyah Cup in tv e streaming oggi 14 dicembreFognini-Monfils: dove vedere Diriyah Cup in tv e streaming oggi 13 dicembreTennis, gli eventi del 2020: ecco il calendario della nuova stagione
  •   
  •  
  •  
  •