Spettacolo, divertimento, beneficenza e boom di iscritti alla Monza Power Run

Pubblicato il autore: Davide Martini Segui


Grande successo per la quinta edizione della Monza Power Run, la corsa ad ostacoli non agonistica andata in scena sabato 22 e domenica 23 luglio nel capoluogo brianzolo e che ha visto i tanti partecipanti sfidare il caldo torrido per trascorrere due giornate all’insegna di socializzazione, divertimento e beneficenza.

Il weekend si è suddiviso tra la Monza Power Run, la gara a ostacoli, ben 21, otto dei quali nuovi in assoluto, dipanatasi sabato lungo un percorso di 12 chilometri (la novità rispetto alla passate edizioni è stata la mancata partenza dal rettilineo) e la nuovissima Power Run Sprint, introdotta a grande richiesta proprio quest’anno e svoltasi domenica con un percorso di 2,5 chilometri da ripetersi per due giri per un totale di cinque chilometri con 13 ostacoli. Il punto di partenza di entrambe le prove è stato Villasanta, in Via Mazzini, a due passi dal suggestivo Villaggio Gara di Piazza Europa. Attraversate le spettacolari cornici del Parco e dell’Autodromo di Monza.

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

Anche il 2017 ha segnato l’abbattimento della quota di 1000 iscritti, che hanno vissuto una giornata all’insegna del divertimento e della beneficenza: 1.300 per la precisione i partecipanti alla Monza Power Run, divisi in batterie partite ogni mezz’ora. L’ostacolo più bello e suggestivo è stato quello sito in Piazza del Comune, una rampa da salire di corsa per arrivare in cima, grazie anche al sostegno dei volontari dello staff, per poi calarsi dalle corde.

Spettacolo nello spettacolo quello regalato dai runners, che, provenienti da varie parti d’Italia, si sono messi in evidenza attraverso costumi goliardici e performance stravaganti e fantasiose, oltre che dai 250 volontari dell’associazione Lele Forever, che hanno sfidato il caldo torrido per tenere alto l’umore dei podisti. Tra i runners anche il primo cittadino di Villasanta Luca Ornago

Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore

Tra i partecipanti c’era anche Gigi Sammarchi.

L’artista bolognese, che da anni si diletta come runner, è apparso in grandissima forma, portando a termine la prova di sabato insieme a oltre 1300 persone.

L’intero incasso della manifestazione verrà impiegato nella lotta contro alla leucemia, grazie all’associazione villasantese Lele Forever, che ha messo in campo quasi 300 volontari e che da quando è stata creata ha raccolto e reinvestito oltre un milione di euro. “Mi sono divertito tanto – ha detto Sammarchi, che prima e dopo la partenza ha intrattenuto i presenti con la consueta simpatia -. Con Andrea partecipiamo spesso a questo tipo di iniziative benefiche. Lo troviamo giusto ed è anche un modo per ringraziare il pubblico, che ancora oggi, anche se non siamo propriamente sulla cresta dell’onda, ci fa sentire il suo affetto e il suo apprezzamento”

Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"

L’associazione Lele Forever è impegnata dal 2001 in progetti contro la leucemia: attraverso manifestazioni sportive non competitive, la onlus ha già raccolto la notevole somma di 1.300.000 euro, ovviamente tutti devoluti in beneficienza.

L’obiettivo del 2017 è sostenere per una cifra di 60.000 euro la ristrutturazione di due appartamenti per immunodepressi che nel corso della terapia non possono restare a contatto con le altre persone della casa. La casa “Lele e Lory” è una struttura di accoglienza gratuita per famiglie che, provenendo da fuori Monza, hanno problemi residenziali durante la degenza dei propri cari.

  •   
  •  
  •  
  •