Vela, America’s Cup: Cagliari sede d’avvio delle World Series

Pubblicato il autore: Davide Visioli Segui

E’ ufficialmente cominciata l’avventura della Prada Cup, Challenger Selection Series, manifestazione di caratura internazionale che come ormai consuetudine, introduce alla 36° edizione dell’America’s Cup.
Ieri sera nella splendida cornice di Montecarlo, allo Yacht Club di Monaco, in una sala delle conferenze gremita in ogni ordine di posto, sono stati più di 250 gli ospiti provenienti da tutto il mondo, ad assistere al lancio della sfida e alla presentazione dell’evento, con un trofeo progettato da un designer in stile “aeronautico”.
La Prada Cup avrà inizio a gennaio 2021, nelle acque di Auckland in Nuova Zelanda, in casa della detentrice del titolo, e vedrà tutti i vari team sfidanti, combattere tra loro in una serie di scontri diretti, sanciti da una lunga e complessa fase eliminatoria denominata Round Robin, al termine della quale la vincitrice assumerà il titolo di n°1 contender, divenendo la sfidante principe, quella che affronterà i campioni in carica, i defender neozelandesi di Emirates Team New Zealand, con in palio il trofeo più antico del mondo dello sport, l’America’s Cup.

Pur tuttavia, la prima occasione di confronto in acqua tra tutte le barche e i team, sarà in Italia, a ottobre 2019 (tra 10 mesi), nelle acque di Cagliari.
Il capoluogo della Sardegna è la sede prescelta per inaugurare le World Series dell’America’s Cup, superando la concorrenza accreditata in particolare modo di Trieste e l’evento della Barcolana, sul quale si è lavorato per mesi in ambito logistico, finanziario e politico.
La campagna di conquista per la Coppa America avrà il suo incipit nel Golfo degli Angeli come tappa inaugurale della manifestazione discendente diretta della Louis Vuitton Cup.
Nel corso dei mesi poi, inframezzate da diverse tappe tra 2019 e 2020, la selezione di sfidanti si ridurrà a quella che sulle altre è spiccata, uscendo come vincente, avversaria abile ad opporsi ai defender neozelandesi nel 2021.

Cagliari come Capitale mondiale della vela

L’annuncio divulgato durante l’evento organizzato dal team Luna Rossa Challenge, ha fatto il giro del mondo, suscitando clamore ed entusiasmo tra curiosi ed appassionati.
Alla presenza dell’assessore al turismo della Regione Sardegna Barbara Argiolas, del direttore generale dell’assessorato Mauro Cadoni, di Tommaso Giulini e Mario Passetti, rispettivamente presidente e direttore generale del Cagliari Calcio, e di Stefano Sardara, presidente della Dinamo Sassari, in rappresentanza del mondo dello sport isolano.
Soddisfazione enorme per il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru: “La Sardegna ancora una volta dimostra di avere tutte le carte in regola per organizzare e ospitare eventi di levatura internazionale. Accogliere nella nostra regione la prima fase di una competizione sportiva così antica e prestigiosa, in grado di garantire ampia visibilità internazionale, è certamente motivo di soddisfazione. La nostra Isola è terra ideale per moltissimi sport, ma discipline come la vela e le attività a essa connesse, sportive, professionali, turistiche, sono ancora più benvenute, perché rientrano nel progetto di sviluppo sostenibile che la Regione ha perseguito in questi anni”.

Così commenta Barbara Argiolas, assessora del Turismo, Artigianato e Commercio: “L’arrivo dell’America’s Cup World Series è il culmine di un lavoro che, negli anni ha visto la Regione impegnata a ospitare e supportare eventi sportivi sempre più importanti. Penso ai tanti eventi mondiali di vela, alle varie tappe dei campionati di rally, alla centesima edizione del Giro d’Italia di Ciclismo. Abbiamo le condizioni ideali per ospitare un appuntamento della più importante manifestazione di vela del mondo: mare con vento costante, infrastrutture sempre migliori, professionalità di altissimo livello, grandi capacità organizzative e l’entusiasmo dei sardi per una manifestazione di questo livello. Per chi non la conosce, la Sardegna sarà una grande e bellissima sorpresa”.
Immancabile anche il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda: “Cagliari sarà protagonista con la grande vela e con un evento di livello mondiale che siamo orgogliosi di ospitare in città e nel Golfo degli angeli. La Prada Cup sarà una nuova e importante vetrina per il nostro mare e per tutto il territorio, il pubblico isolano saprà sostenere con entusiasmo il team di Luna Rossa, che ha scelto la nostra città come base per preparare le tappe di avvicinamento alla Coppa America del 2021. Siamo al lavoro per la riqualificazione della zona di Marina Piccola e del porto storico a sostegno della vela e della nautica di Cagliari. Sarà fondamentale per un nuovo e importante slancio alle attività e agli sport di mare, allo sviluppo e alla creazione di posti di lavoro”.

Luna Rossa e le altre contenders

Mentre Patrizio Bertelli, a capo di Luna Rossa Challenge e CEO del Gruppo Prada, svelava al mondo l’alloro d’argento (Prada Cup) con interno rosso, progettato dal designer australiano Marc Newson e realizzato a mano da un gruppo di argentieri fiorentini, gli equipaggi si concentrano già sulla progettazione e costruzione delle imbarcazioni AC75, denominazione tipica dei monoscafi di America’s Cup da 75 piedi, che vedranno il varo in mare durante la prossima primavera.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: definiti i quarti di finale

Cagliari da più di un anno è divenuta la sede principale delle operazioni di Luna Rossa, che gareggia sotto l’effige del Circolo della Vela Sicilia di Palermo.
Le World Series dovrebbero essere 6, con un dubbio ancora su 1. Due nel 2019 (partendo da Cagliari), tre nel 2020 e una nel 2021.
Al momento le squadre iscritte sono oltre al detentore del titolo Emirates Team New Zealand, anche Luna Rossa challenge come primo sfidante ufficiale, American Magic e Ineos UK. Tuttavia la fase di selezione è ancora aperta, per questo è facile supporre che il parterre di sfidanti alla prossima America’s Cup, sarà agguerrito e consistente.

  •   
  •  
  •  
  •