Olimpiadi, Coates: “Problemi ad organizzarle anche nel 2021”

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Le Olimpiadi previste a Tokyo per il 2020 sono state posticipate di un anno a causa della Pandemia da Covid-19. La rassegna a cinque cerchi è sicuramente l’evento sportivo di maggior importanza in assoluto, pe questo il Comitato Olimpico Internazionale si è prodigato per ottenere un suo rinvio e non la cancellazione. Come riferisce John Coates, membro del comitato Olimpico australiano, potrebbero ora sorgere problemi anche sull’organizzazione dell’evento il prossimo anno.

Olimpiadi, Coates preoccupato: “Problemi reali per organizzare le Olimpiadi nel 2021”

Coates ha infatti illustrato i diversi ostacoli che il CIO sarà tenuto ad affrontare nell’organizzazione delle Olimpiadi:
“Abbiamo atleti che provengono da 206 Paesi. Ci saranno 11.000 atleti, 5.000 tra funzionari e allenatori, 20.000 rappresentanti dei media e 4.000 persone che lavorano all’organizzazione dei Giochi, cui devono aggiungersi 60.000 volontari”.

Coates ha poi espresso ulteriori perplessità sulla possibilità che, una recrudiscenza del virus, possa investire anche le Olimpiadi:
I Giochi possono svolgersi solo nel 2021 e non essere rimandati ulteriormente. Ad oggi non sappiamo ancora se ci sarà un vaccino e, se ce ne sarà uno, non avremo abbastanza tempo per condividerlo in tutto il mondo”.

Parole che fanno seguito alle dichiarazioni di Thomas Bach, numero uno del CIO, il quale ha affermato che “Le Olimpadi si terranno nel 2021 oppure verranno cancellate”.

  •   
  •  
  •  
  •