Italian Hockey League, finale scudetto: l’Asiago stende il Renon, domani gara 2 a Collalbo

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


La Migross Supermercati Asiago si aggiudica gara 1 della finale scudetto dell’Italian Hockey League sconfiggendo al Pala Hodegart il Rittner Buam con un netto 5-0. Domani sera a Collalbo è in programma la seconda partita che potrebbe riconfermare campione d’Italia la compagine vicentina nel caso riuscisse nuovamente ad imporsi o rimandare il verdetto ad una terza decisiva sfida qualora fosse quella altoatesina ad avere la meglio.

Il Rittner Buam si presenta all’appuntamento privo di quattro elementi dovendo fare a meno oltre che di Fink e Pechlaner anche di Giacomuzzi e capitan Tudin. Nella Migross Supermercati Asiago l’unico assente è Stevan. Per gran parte del primo periodo i padroni di casa mantengono il comando del gioco impegnando Treibenreif con i tentativi di McParland (1′) e Marchetti (15′). Il Renon, attento in fase difensiva, riesce ad affacciarsi in attacco con una certa efficacia soltanto sul finire del tempo. In apertura di seconda frazione l’Asiago inizia a premere con decisione. La compagine di Petri Mattila, dopo essersi resa pericolosa con le conclusioni di Vankus (23′), Casetti (24′), Marchetti (25′) e Miglioranzi (25′), sblocca il risultato al 28′ con Tessari pronto a ribadire in rete un tiro di Dal Sasso respinto da Treibenreif. Gli ospiti si ritrovano poco dopo a dover fronteggiare una penalità di due minuti inflitta a Lang e una da quattro a Lutz. L’Asiago, pur potendo giostrare per 1′ e 13” anche in doppia superiorità numerica, non va però oltre alla creazione di un paio d’opportunità con Rosa e Gellert. Il Rittner Baum resiste ed al 35′ si vede negare la rete del possibile pareggio di Spinell per un fischio precipitoso dell’arbitro che interrompe il gioco ritenendo Vallini già in possesso del puck nella mischia creatasi davanti alla sua gabbia. Dal possibile 1-1 si passa ventuno secondi più tardi al 2-0 per l’Asiago siglato con un tiro sotto la traversa da Forte. Prima del termine del periodo (38′) arriva anche la terza rete dei Leoni giallorossi firmata da Rosa con l’evidente complicità di Treibenreif. Il match non ha più storia. L’Asiago controlla senza particolari problemi le iniziative avversarie trovando il modo di rimpinguare il bottino con le realizzazioni di Lievore (48’) e dell’ex Frei a quarantacinque secondi dal termine.

  •   
  •  
  •  
  •