League of Legends, sesta settimana e Match of the Week

Pubblicato il autore: Angela Allegretto Segui


Con le partite di venerdì e sabato, i due teams al primo posto in classifica, G2 eSports e Rogue, si sono assicurati i Playoff. Lo Spring Split, del campionato europeo di League of Legends, è davvero agli sgoccioli e si intravedono le squadre che continueranno la corsa per la vittoria del titolo di primavera. Rispetto alla scorsa settimana, la classifica è rimasta stabile, con la sola discesa dei Fnatic, dal quarto al quinto posto.

Match of the Week, la rivincita del Samurai

Più che il Match of the Week, la partita più attesa di questa settimana sembrava una finale di campionato. Si sono sfidate le due squadre la cui rivalità ha fatto la storia delle LEC; G2 eSports e Fnatic hanno giocato l’ultimo game della seconda giornata di questa settimana e hanno lasciato tutti a bocca apertaFino a pochi mesi fa, il nome Martin “Rekkles” Larsson era automaticamente associato all’orange team. Proprio ai Fnatic, Rekkles è diventato una star e ha mostrato le sue capacità da Ad Carry. Il vuoto lasciato dal bot laner ha permesso ai Fnatic di rafforzare il team e di dare spazio al giovane Elias “Upset” Lipp. Se la sinergia tra il nuovo ad carry dei Fnatic e il support Zdravets “Hylissang” Iliev Galabov potrebbe essere migliorata, quella tra Rekkles e Mihael “Mikyx” Mehle è ben rodata. La scorsa settimana avevano messo in campo il duo Senna – Sion riuscendo a battere gli FC Schalke 04. Gli occhi erano, per questo motivo, puntati tutti sulla Bot Lane.

Leggi anche:  WRC, Rally Croazia, Lorenzo Martincich a SN: "Una grande occasione per la Croazia"

League of Legemds, i Ban e le Pick

Come in ogni partita inizia la fase di ban. Dopo quelli “di rito” quali Udyr, Thresh, Gnar e Twisted Fate, si è passati allo escludere dal match campioni dal target ben definito come sono stati, da parte dei Fnatic, i ban di Senna ed Ekko. Fino alla fine di questa prima fase non è stato considerato Ryze; le prestazioni di Rasmus “Caps” Borregaard Winther e di Yasin “Nisqy” Dincer sul campione sono ottime per questo, vista la draft dei G2, si è aspettati solo la fine della fase di ban per bloccarne la sceltaLa differenza nello stile di gioco dei teams si è fatto sentire anche nella fase di pick. I Fnatic hanno scelto una draft più aggressiva con un duo Bot Lane importante, Alistar e Kalista, nella corsia centrale un volto molto attuale del meta, Azir. Ottima la scelta del campione della giungla, Lillia, molto forte in questa patch. Particolare quanto inaspettata è stata invece la scelta della Top Lane con Yone. La risposta dei G2 non si è fatta attendere; nella corsia superiore hanno giocato Gragas; nella giungla il polacco Marcin “Jankos” Jankowski ha optato per Olaf che, per funzionare, avrebbe dovuto avere un mago da controllo in Mid Lane. La scelta è quindi ricaduta su Syndra. Il duo Bot Lane Jhin e Rell è stata la scelta migliore contro l’aggressività dei Fnatic.

Leggi anche:  Pallamano femminile, Mondiali 2021: definito il quadro delle partecipanti europee

La partita

Il match inizia come si dovrebbe. Al solo quarantatreesimo secondo, c’è il primo attacco da parte del support dei G2 verso il jungler avversario. Il First Blood arriva poco dopo con un gank di Olaf nella corsia superiore ai danni di Yone. Lo stesso Olaf riesce a conquistare anche il primo drago della partita dopo la kill su Alistar. La prima kill arriva anche per la squadra dei Fnatic con l’ad carry che, vincendo un fight, porta a casa un’uccisone su Rell. A quasi dieci minuti dall’inizio del game arriva la prima doppia uccisione; il top laner dei G2, arrivato in Bot Lane con il Teleport, riesce a prendere la kill sia sul support che sull’ad carry avversari. La prima torre cade in Mid Lane a favore dei G2. Uno dei fight più importanti che si sono visti in partita è stato quello al pit del terzo drago. L’unico a sopravvivere dei Fnatic è Yone. Con una tripla uccisione, Olaf riesce a conquistare anche questo drago. Gli stessi G2 riescono ad aggiudicarsi anche il Barone. A ventisei minuti dall’inizio del game con una Carneficina, un totale di ventitré uccisioni, quattordicimila gold di differenza e ben quattro draghi i G2 eSports si aggiudicano il Match of the Week della settimana.

  •   
  •  
  •  
  •