Hockey su pista, Supercoppa: i commenti di Enric Torner e Pedro Gil

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


La stagione dell’hockey su pista si è aperta nel migliore dei modi per l’Amatori Wasken Lodi: i campioni d’Italia hanno ottenuto un successo esterno per 5-4 sugli storici rivali della GDS Impianti Versilia Hockey Forte nella gara d’andata della Supercoppa Italiana.

Grande protagonista dell’incontro il vicecapitano della compagine lombarda Enric Torner autore del provvisorio 3-2 con una pregevole giocata ed ispiratore di altre tre marcature. Il trentunenne spagnolo non ha nascosto ai microfoni di FISRTv la sua soddisfazione per l’andamento del confronto mostrandosi però alquanto prudente in merito all’esito finale della competizione. “Credo che entrambe le squadre abbiano disputato una bella partita. Noi abbiamo forse avuto un pizzico di fortuna in più rispetto a loro. Il nostro obiettivo era quello di tenere aperta la sfida in vista del ritorno. Ci siamo riusciti ma non ci facciamo illusioni. Sono stati giocati soltanto i primi cinquanta minuti della sfida. Per conquistare il trofeo ci sarà ancora da lottare”.

Di umore comprensibilmente diverso, sul versante opposto, l’immarcescibile Pedro Gil. Il fuoriclasse spagnolo, tornato dopo cinque anni a indossare la maglia del Forte dei Marmi, ha commentato amaramente il ko: “La squadra ha dato tutto quello che aveva. Abbiamo ricercato con determinazione la vittoria presentandoci al tiro con più continuità rispetto agli avversari ma non era la nostra serata. Loro hanno avuto il merito di sfruttare al meglio le opportunità create costringendoci ad inseguire per quasi tutta la gara. Speriamo domenica prossima di essere più efficaci in fase offensiva e di riuscire a ribaltare il risultato a nostro favore”.

“In questo momento della stagione – ha proseguito l’ex giocatore dello Sporting Lisbonaè normale che la squadra non sia ancora al top della condizione e che ci siano situazioni di gioco da migliorare avendo metà del roster composto da nuovi elementi. Ci vorrà inevitabilmente del tempo ma conoscendoci ogni giorno di più contiamo di poter compiere gradualmente passi in avanti in entrambe le fasi del gioco”.

  •   
  •  
  •  
  •