Marcell Jacobs, stoccata a Salvini: “Seguito su Instagram? Solo per educazione”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Marcell Jacobs

Marcell Jacobs domenica è stato tra gli ospiti d’onore – assieme ad altri medagliati olimpici dell’Italia come gli staffettisti Tortu, Patta e Desalu nonché Gianmarco Tamberi – del Gran Premio di Formula 1 che si è svolto a Monza. Il campione dei 100 metri a Tokyo ha avuto il compito di sventolare la bandiera a scacchi al traguardo, mettendo il sigillo sulla clamorosa doppietta delle McLaren guidate da Ricciardo e Norris: un trionfo che ha interrotto un digiuno di ben 9 anni della scuderia inglese.

L’atleta azzurro prima della gara si è detto emozionato della sua presenza al GP. Ecco le parole: “Essere qua – spiega durante la conferenza stampa organizzata dall’Aci – è veramente un sogno perché sentire questo rumore che per me non è rumore, ma ce l’ho nel sangue perché tutta la famiglia da parte di mamma è sempre stata appassionata di motori. Ieri stavo sudando perché avevo paura di sbagliare qualcosa. Grazie per questa super occasione e non vedo l’ora di godermi la gara oggi”. Prima dell’avvio della gara ha incontrato Lewis Hamilton, che ha posato con una delle due medaglie d’oro olimpiche di Jacobs.

Leggi anche:  Hockey su pista: Pedro Gil stellare, la Supercoppa va al Forte dei Marmi

Marcell Jacobs e Salvini: “Instagram? Seguito solo per educazione”

Finito ormai sotto i riflettori in maniera permanente, il 26enne di Desenzano è il personaggio dell’anno. Dopo le ultime dichiarazione, Jacobs è tornato a parlare e ha voluto rispondere a chi qualche settimana fa lo aveva avvicinato a Matteo Salvini per il fatto che avesse cominciato a seguire su Instagram il segretario della Lega, unico politico a godere di questo privilegio: “Hanno scritto persino che seguo Salvini su Instagram perché non voglio gli immigrati in Italia! La verità è che quando ho fatto il mio primo record italiano, Salvini ha cominciato a seguirmi sui social e io l’ho ricambiato per educazione. Non sono né di destra né di sinistra, di centro o delle stelle. Se fosse stato Renzi avrei fatto la stessa cosa“.

  •   
  •  
  •  
  •